Alberelli di frolla



Con questo post chiudo questo 2011 e spero che il prossimo anno sia decisamente migliore per tutti!!
Vi auguro che il nuovo anno vi porti tanta salute assieme a tutto ciò che desiderate!

Per gli alberelli di oggi ho usato i vari stampini che ho in archivio,un'idea simpatica per i centri tavola delle feste e anche un modo divertente per coinvolgere i bambini in cucina!

Con il colorante in gel giallo  ho colorato la pasta e fatto stelline comete, alle quali ho fatto un buchetto con una cannuccia in modo che volendo si possono anche appendere, e con quello verde ho fatto degli alberelli. 


350 gr farina con lievito Molino Rossetto
160 gr zucchero
20 gr zucchero vanigliato
50 gr burro leggermente salato
50 gr burro
7 cucchiai di panna fresca.

coloranti alimentari in gel

Impastare burro e zucchero, poi unire la farina e la panna unirla un cucchiaio alla volta  per vedere quanta ne serve.

 Avvolgere con pellicola, porre in frigo 30 minuti.

Accendere il forno a 180 gradi, ricavare le forme e infornare per 10/12 minuti.

Cantuccini



Di solito la ricetta che uso per questi biscottini è questa, ma stavolta ho voluto provare la ricetta di Paoletta del blog Anice e cannella, e devo dire che sono migliori di quelli che ho sempre fatto!! Quindi da oggi questa è la ricetta che considero a mio parere migliore! Qui trovate il suo post bellissimo, io riporto la sua ricetta anche se l'unica variante che ho fatto è stata quella di usare la farina autolievitante.
Provateli...non vi rimarranno neppure le briciole!!!!!!!!!


Ingredienti:
450g. di farina con lievito Molino Rossetto
350gr. di zucchero (metterlo tutto, o ne va della croccantezza)
2 uova intere
3 tuorli
1 uovo intero per spennellare i biscotti
50g. di burro fuso tiepido
scorza grattugiata di un arancia piccola
un pizzico di sale
250g. di mandorle sgusciate (ma non spellate)

tostare leggermente le mandorle nel forno caldo.

Montare molto bene con le fruste o con lo sbattitore elettrico 2 uova intere e 3 tuorli con lo zucchero (aggiungere alle uova un pizzico di sale) finché non diventano bianche; aromatizzare con la scorza d’arancio grattugiata e aggiungere il burro fuso e tiepido.

Continuare a lavorare con le fruste elettriche aggiungendo man mano la farina setacciata precedentemente col lievito. Questa lavorazione da come risultato dei biscotti più friabili e 'fini'
Se li preferite più compatti, rovesciate la farina sulla spianatoia e versateci dentro il composto ma non troppo montato.

Unire le mandorle e, se necessario, bagnando le mani con acqua fredda (non aggiungete farina) perché il composto è appiccicoso, fare 3/4 filoncini larghi ca. 3 dita e spessi 1 e disporli sulla placca del forno ricoperta di carta forno (oppure imburrata e infarinata). Siccome i filoncini cuocendo si allargheranno, potete anche usare l'accorgimento di fare una piega nella carta forno fra un filoncino e l'altro in modo da non correre il rischio che si attacchino fra loro. Spennellarli con l’uovo intero sbattuto e cuocerli in forno caldo a 180°/200° per circa mezz’ora.
Sono cotti quando sono ben dorati e, toccandoli, si sente che i filoncini sono sodi all'interno. Farli raffreddare un po’ (altrimenti è difficile tagliarli perché si spaccano) e tagliarli, magari leggermente di traverso, allo spessore di circa 1.5cm e ridisporli distesi di fianco sulla placca del forno. Rimetterli in forno a biscottare sui due lati, (perchè i cantucci sono veri bis-cotti, perchè cotti 2 volte!) a circa 100° per circa 10 minuti, da una parte e l'altra, facendo attenzione a non lasciarli dorare dalla parte del taglio, altrimenti diventano troppo duri.
Anche se questi biscotti DEVONO essere duri, perché sono nati per essere inzuppati nel vino o, meglio ancora, nel Vinsanto o altro passito. Bisogna tenere presente che finché sono caldi la superficie risulta ancora un po’ morbida, ma indurisce rapidamente raffreddandosi.
Una volta freddi si conservano benissimo in scatole di latta.

Focaccine zuccherate



Mi piaceva l'idea di realizzare delle focaccine per la colazione o merenda, di quelle  da inzuppare nel latte caldo, da gustare in tranquillità con la famiglia specie durante le feste...ecco solo che prima di riuscire a fare sta foto mio marito se ne è fatto fuori 4!!!:-)


Ingredienti per 16 focaccine

lievitino:
100 gr farina per pizza molino Rossetto
20 gr lievito di birra fresco
120 gr latte
1 cucchiaino di malto di grano.
Impastare nella macchina del pane, coprire e lasciare lievitare  1 ora.

Ingredienti per l'impasto:
500 gr farina per pizza molino Rossetto
130 gr zucchero
20 gr zucchero vanigliato
buccia di limone
14 gr sale
60 gr burro morbido
220 gr di latte

Quando il lievitino è pronto avviare l'impasto e unire la farina e lo zucchero alternati a metà latte, continuare con gli ingredienti e unire in più riprese il burro e dare tempo che venga assorbito.
Il sale unirlo per ultimo.

Si ottiene un impasto morbido.

Lasciare lievitare 2 ore e mezza.

Accendere il forno a 180 gradi

Riprendere l'impasto e senza rimpastarlo prelevare dei pezzi , stenderli con le mani facendo delle fossette.

Spennellare con poco burro fuso.

Quando il forno è in temperatura, prima d'infornare cospargere di zucchero e infornare subito per circa 13/15 minuti.

Gnocchetti con calamaretti,pomodorini e mozzarella



Buongiorno! tutto bene? avete trascorso un bel Natale? Io si in compagnia delle persone a me care è stata proprio una bella giornata!!
Oggi stiamo un pò leggeri visto che si prospetta un altro week end ricco!!

Ingredienti per 2 persone
1 patata media
farina 00 q.b.

Condimento:
5 calamaretti freschi
pomodorini
mozzarella

Lessare la patata, schiacciarla e lasciare che venga fredda.
Poi unire la farina necessaria ad ottenere un composto morbido ed omogeneo.

Ricavare dei bigolini, tagliare a pezzettini, passare nel rigagnocchi e mettere in un tagliere.

Pulire i calamaretti, tagliarli ad anelli.
Pulire anche i pomodorini
La mozzarella invece ho provato la novità della Granarolo che ho trovato al super, pezzettini di mozzarella adatta anche per la pizza.

In una wok soffriggere in poco olio extra vergine d'oliva uno scalogno tritato, unire i calamari e cuocere velocemente, unire i pomodorini, salare.
Nel frattempo lessare gli gnocchi, spadellarli nella wok e impiattare cospargendo di mozzarella.

Crostata con torrone..e Buone Feste!




Con questa Crostata vi saluto e auguro a tutti di trascorrere Un Sereno Natale!!


Pasta  frolla:
farina 300 gr
zucchero 130 gr
una bustina di lievito
1 uovo
125 burro.

Ripieno:
200 gr philadelphia yo
170 gr yogurt greco
2 uova
130 gr zucchero
70 gr torrone alle nocciole tritato
60 gocce di cioccolato
Montare uova e zucchero unire philadelphia, yogurt, torrone e gocce.


biscotti grancereale croccante tritati

Tortiera diametro 26

Foderare con la pasta la teglia.

Cospargere con i biscotti, versare la crema, terminare con le decorazioni e infornare a 170 gradi nella parte più bassa del forno per 40 minuti.

Nota: in alternativa al torrone si può  usare della granella di nocciole

Stelline con glassa veloce



Per questi biscottini ho fatto un impasto con lo yogurt, ma poi ognuno sceglierà l'impasto che preferisce.
Quello che mi è piaciuto è stato fare la decorazione con questa glassa super veloce da fare e sopratutto asciuga in 5 minuti!!!!!!
Senza glassa vanno bene anche per la colazione!!

80 gr zucchero
60 gr zucchero di canna
45 gr burro
45 burro salato
125 gr yogurt Nuvolatte (Granarolo)
1 tuorlo
350 gr farina con amido Molino Rossetto
2 gr ammoniaca per dolci sciolta in 30 gr di latte.

Impastare zucchero e burro, unire lo yogurt il tuorlo poi la farina e il latte con l'ammoniaca.
Risulta un composto morbido.

Accendere il forno a 180 gradi.

Stendere l'impasto, io mi aiuto con l'amido, taglio le formine, in questo caso ho usato uno stampino della linea "taglia biscotti di Natale" della Guardini e inforno per circa 12 minuti.

Glassa:
latte e zucchero a velo.

Una volta freddi, metto in una ciotola 2 cucchiai di zucchero a velo e unisco , un cucchiaino alla volta di latte e mescolo fino ad ottenere la giusta consistenza.
Decoro i biscotti e completo con le codette colorate.

Focaccia al Radicchio e Parmigiano



La ricetta l'ho vista nel blog bellissimo di Elenuccia, Saltando in padella, e precisamente qui 
Mi piacevano gli ingredienti e così l'ho provata con qualche piccola modifica.
Vi consiglio di visitare il suo blog...non ne uscirete molto velocemente!!!!
Grazie Elenuccia è proprio fantastica!!!!!!!!!!

Ingredienti:
165 gr di manitoba
335 gr farina 0
170 gr yogurt greco
30 gr strutto
50 gr acqua
6,5 gr lievito di birra fresco
12 gr sale
70 gr patata lessata e schiacciata (io l'ho preparata la sera prima)
1 cucchiaino di malto d'orzo
145 gr di birra chiara (bavaria)

Radicchio di treviso saltato in padella.
parmigiano a scaglie

Preparare il poolish con acqua,60 gr di birra,110 gr di manitoba, malto e levito.Io ho fatto tutto nella macchina del pane, poi ho spento e coperto con panno umido.
Ho lasciato fermentare per 90 minuti.

Poi ho unito la farina, la patata e lo yogurt successivamente lo strutto, poca birra e il sale.

Ho unito la birra necessaria a rendere l'impasto omogeneo, quindi suggerisco di unirla lentamente.

Lascio lievitare 3 ore e mezza.

Poi la stendo nella placca del forno, spennello con acqua e olio in parti uguali.

Lascio lievitare ancora 1 ora e mezza.

Accendo il forno a 180 gradi

Poi metto il radicchio,e spennello ancora, inforno per circa 25 minuti, tiro fuori metto le scaglie di parmigiano e rimetto in forno semi aperto e spento.

Quando è sciolto tiro fuori la focaccia e la tolgo subito dalla placca del forno in modo che con il calore e la carta forno non ammorbidiscano troppo il fondo.

Panettoncini con lievito liquido







Lo so direte che la ricetta è lunga e complessa ma credetemi ne vale veramente la pena!
Al lievito che avevo in frigo visto che era da un pò fermo e mi sembrava poco attivo al mattino ho pensato di dargli un pò di pappa e cioè un bel vasetto di yogurt bianco dolce, l'ho frullato e unito 1 cucchiaio di zucchero.
Ho iniziato a rinfrescarlo ogni 4 ore, e alla sera era molto attivo, da quel lievito ho prelevato 200 gr e sono partita  con il lievitino.
ne ho prelevati altri 300 gr e ho fatto degli altri panettoncini che posterò.

Ho messo comunque poco lievito di birra per dargli la spinta giusta e perchè a noi piace così!
Altra cosa che ormai si è capito che mi piace usare  è la crema pasticcera nell'impasto!
Ho voluto farne un pò negli stampini di carta e un pò nello stampo per muffin.
Per la preparazione del lievito liquido vi rimando qui, veloce da preparare e dopo 4 giorni si può già usare.
Se invece non volete proprio cimentarvi allora vi lascio queste ricette:
http://federicaincucina.blogspot.com/2009/12/panettone.html
http://federicaincucina.blogspot.com/2009/12/panettoncini-e-panettone-alla-crema.html



Per 23 panettoncini
Ingredienti:
Lievitino serale ore 20,30
200 gr di lievito liquido bello attivo
100 gr manitoba
100 gr farina 00
75 gr acqua
Impastare coprire con pellicola e lasciare a t.a. fino al mattino.

Preparare anche la crema pasticcera
250 gr panna fresca
2 uova
100 gr di zucchero
50 gr amido di frumento.
Sbattere uova, zucchero e amido unire la panna calda e fare addensare, mettere in una ciotola e coprirla con pellicola. Io l'ho messa in un stanza fredda ma non in frigo fino al mattino

Ingredienti impasto:

6 gr lievito di birra fresco
1 cucchiaino miele
500 gr manitoba
50 gr farina 00
180 gr di zucchero
10 gr zucchero vanigliato
60 gr crema pasticcera a t.a.
5 tuorli
buccia d'arancia candita 
100 gr burro morbido
10 gr sale
50+215 gr di latte

Mattino ore 6,30.

Nella macchina del pane metto il lievito di birra, miele e i 50 gr di latte, poi unisco 2 cucchiai di farina e inizio l'impasto, di seguito metto tutto lo zucchero e la crema.
Unisco lentamente il lievitino, e poca farina.
Dopo un pò unisco 2 tuorli, e gli aromi
faccio assorbire e unisco altra farina.
Poi unisco gli altri 3 tuorli, poi vado avanti ad alternare il burro a piccoli pezzi, la farina e il latte, dando tempo che ogni ingrediente venga assorbito ad ogni aggiunta.
Per questo impasto ci ho messo circa 30 minuti.
Copro con panno umido e lascio lievitare  5 ore e mezza.

Poi divido l'impasto nei pirottini  e ripongo a lievitare ancora 3 ore.

Accendo il forno a 180 gradi.
Preparo la glassa:farina di mandorle e zucchero a velo in parti uguali, albume q.b.

Quando il forno è pronto, spalmo di glassa e cospargo di granella di zucchero.

Inforno a 180 gradi per 15 minuti, poi abbasso  a 160 per altri 20/25 minuti, coprendo con stagnola quando la glassa è dorata.

Nota:
si può tranquillamente omettere il lievito di birra, i tempi si allungano di molto.

Stelline con peperoni



Buongiorno e buona settimana!!
La settimana inizia con un bel sole e parecchie cosette da sfornare, immagino che anche per molte di voi sia così!! E per la tavola del Natale o Capodanno un antipastino semplice e veloce credo sia molto gradito, come queste stelline...un ottimo riciclo!!
Per la ricetta di oggi ho conservato 250 gr di pasta dalle crostatine al salmone  e per il ripieno poi largo alla  fantasia!!
Mi raccomando riempitele bene!!!:-))))))

Ingredienti per 20 stelline
250 gr di frolla
un peperone rosso
2 wustel piccoli
olio, origano.
1 uovo separato

Accendere il forno a 180 gradi.

Arrostire sul fornello il peperone, metterlo dentro a un sacchetto di carta del pane, chiuderlo e lasciarlo 10 minuti.
Poi spellarlo, e tagliatlo a dadini piccolissimi.
Unire i wurstel anche questi tagliati piccoli, poco olio e origano.

Prendere la pasta, stenderla sottile, io ho usato la macchinetta per la pasta e l'ho tirata fino al 4.

Ho tagliato le stelline, farcite, pennellate di albume, chiuse con altre stelline, spennellato con il tuorlo allungato con poco latte, e cosparso di semi di sesamo.

Infornare per circa 15 minuti.

Grazie a Carlotta del blog Bietolina per averle provate, qui il suo bellissimo post.

Coppetta con crema all'arancia



Avevo avanzato 2 albumi da altre preparazioni, e così ho preparato questa crema veramente deliziosa, in questo caso l'ho messa nella coppetta ma usata da sola può essere servita assieme ad una bella fetta di panettone!

2 albumi pari a 68 gr di peso
100 gr zucchero
100 gr succo d'arancia e la buccia
30 gr amido di riso
wafer
biscotto grancereale 

Sbriciolare i wafer e i biscotti in 2 ciotole diverse

Montare gli albumi con lo zucchero e l'amido, unire il succo e la buccia dell'arancia, passare sul fuoco e fare addensare.

passarla in una ciotola, coprirla con pellicola e farla raffreddare.

nella coppetta alternare i wafer e i biscotti alla crema e passare in frigo 2 orette.

Completare con i riccioli di cioccolato.

Panini con salmone e provola



Questi panini realizzati in stampini per panettoncini potrebbero essere un'altra idea salata per Natale!!

Ingredienti:
500 gr farina 0
20 gr lievito di birra
30 gr zucchero
1 uovo (peso senza guscio 44 gr)
50 gr burro
180 gr di latte
12 gr sale

Ripieno:
salmone affumicato e provola dolce.

Nella macchina del pane impastare la farina, lievito, zucchero e metà latte.

Poi unire l'uovo sbattuto.

successivamente unire il burro morbido, lentamente e il latte rimanente, da ultimo unire il sale.

Lasciare lievitare per 1 ora e mezza.

Poi riprendere l'impasto, prelevare dei pezzetti di pasta stenderli e farcirli con il ripieno.

Chiudere bene, spennellare di latte e cospargere di semi di papavero.

Mettere a lievitare ancora per 1 ora e mezza.

Infornare a 180 gradi per circa 20 minuti.

Bigoli con zucca e radicchio



Ingredienti:
300 gr di bigoli
100 gr di zucca pulita
1 cespo di radicchio di Treviso
olio, scalogno, sale
parmigiano

In una padella soffriggere lo scalogno con poco olio unire il radicchio, tenere girato bene, salare e cuocere finchè morbido.
In un'altra padella sempre con olio e scalogno unire la zucca, cuocerla e tenere bagnato con poco brodo vegetale, regolare di sale
Quando la zucca è tenera frullarla con del parmigiano.

Cuorere la pasta, e spadellarla con la crema di zucca e il radicchio, completare con parmigiano grattugiato.

Arance candite



A mio marito non piacciono i canditi...dopo aver sfornato dei panettoncini mi dice:
"perchè non fai le arance candite e le triti sottilissime da inserire nei panettoncini"

....."ma se non ti piacciono"

"non mi piacciono i pezzettini di canditi, ma se li fai tu poi li triti piccoli piccoli"

Ah però...hai capito..l'ho abituato bene!!:-))

Ok mi metto alla ricerca di una ricetta, e qui sul web ce ne sono tante...la mia attenzione ricade sulla ricetta trovata in questo blog: Buono e semplice come il pane

Mi sembrava quella più semplice, e visto che dovevo lavorare per farle e che si mantengono a lungo dopo preparate, ho acquistato 10 arance non trattate dalla buccia spessa riempiendo così 3 vasi di vetro!

Con la polpa ci ho fatto  la marmellata.

Ingredienti:

    Scorze di arance “NATURALI”.

Non usare le arance trattate, nemmeno dopo averle accuratamente lavate e pulite con alcool e cotone. Il difenile (E230) usato per conservarle e lucidarle è sicuramente tossico, e probabilmente anche cancerogeno. Per la cronaca, penetra anche all'interno.
    Zucchero semolato.

Procedimento:

Lavare le arance, sbucciarle in modo da ricavarne delle scorze il più larghe possibile senza romperle.
Lasciare anche la parte bianca e un pò di polpa.

Mettere le scorze in un tegame e coprirle di acqua fredda. Portarle a bollore e poi scolarle. Ripetere questo passo tre volte.
Questo passo serve a ridurre l'amarezza delle scorze. Le ho  bollite 15 minuti per volta.
Scolare e asciugare bene le scorze, poi pesarle.

Mettere in un tegame zucchero semolato pari al peso delle scorze, con una ventina di grammi di acqua per ogni etto di zucchero.

Portare ad ebollizione lo sciroppo di zucchero e versarvi le scorze, rigirandole finchè non ci sarà più zucchero liquido nel tegame. Fuoco dolce mi raccomando!

Nel frattempo versare dello zucchero semolato in un piatto.
Passare le scorze nel piatto dello zucchero, dividendole e rigirandole per bene, poi adagiarle su carta forno in modo che non si attacchino fra loro.

Quando saranno raffreddate si possono mettere in un barattolo ben chiuso, io le ho lasciate tutta la notte sulla carta forno e poi invasate
Riuscendo a resistere, sarebbe meglio farle riposare un paio di settimane affinché maturino.
Le scorze candite si conservano a lungo in un barattolo di vetro a chiusa ermetica
Sulla conservazione ho letto che andrebbe in frigo, ma se sono state preparate bene con tanto zucchero non è necessario, vi aggiornerò!!

Possiamo usare le nostre scorze di arancia candite come ingrediente di base per impreziosire muffin, plum-cake, torte, pani dolci, pain d'épices, panettone, colomba, fugassa, gelati e molte altre preparazioni dolci.

....e ora via di panettoni!!!:-)))))))))


Grazie a Monia del blog Il gusto del laboratorio magico per averle provate!qui il suo post!!

Panettoncini salati al pistacchio



Buongiorno e buona settimana!
oggi si parte con una ricettina salata, una ricetta realizzata assieme a Rossella del blog Le delizie di casa mia.
Vista la precedente esperienza  che ci ha divertito a fare qualcosa contemporaneamente abbiamo pensato di replicare! Lei in versione dolce io salata!!
I tempi sono stati diversi in fase di lievitazione, ma è questo il bello degli impasti!
Grazie Rossella alla prossima ricetta!!^____^

*Per la realizzazione vi consigliamo di preparare anche un lievitino alle 6,30 con 50 gr di manitoba, 40 gr d'acqua e 4/5 gr di lievito di birra fresco, coprire e lasciare fermentare, fino alle 9,30 quando si andrà ad impastare si unirà anche questo lievitino assieme a quello preparato con la pasta madre, questo permetterà di dare una spinta maggiore all'impasto ricco di grassi.

Ingredienti totali:
250 gr manitoba
250 gr farina 00
1 cucchiaino pasta madre
1 cucchiaino malto d'orzo
110 gr latte+68 gr
120 gr granella pistacchio
50 gr parmigiano grattugiato
1 uovo
100 burro morbido
10 gr sale
130 gr provola dolce a dadini
130 gr prosciutto cotto affumicato a dadini
170 gr yogurt greco

Glassa (facoltativa)
40 gr pistacchio, 40 parmigiano in parti uguali, e albume q.b. nel mio caso 2
unire l'albume poco per volta fino ad ottenere la giusta consistenza.


lievitino ore 19
50 gr manitoba
50 ga farina 00
1 cucchiaino malto d'orzo
1 cucchiaino pasta madre essiccata Molino Rossetto (6,5 gr)
110 gr latte
impastare coprire con pellicola fino al mattino

Ore 6,30 tirare fuori dal frigo il lievitino, yogurt greco e burro.
* e preparare il lievitino come indicato

Ore 9,30 impasto nella macchina del pane:
poca farina, lievitino/i e poco yogurt, successivamente alterno tutti gli altri ingredienti attendendo il completo assorbimento ad ogni aggiunta.
Dosare lentamente per vedere quanto assorbono le farine in fase di impastamento
lasciare lievitare 5 ore.

Riprendere l'impasto dividerlo in 16 palline e unire ad ognuna prosciutto e provola.
Spennellare di latte, e mettere nel forno spento a rilievitare ancora per 2 ore

Spalmare di glassa prima d'infornare.

180 gradi per 25 minuti, fare sempre la prova stecchino

Sbriciolata allegra



Ho voluto chiamarla allegra perchè i colori degli smarties fanno festa!buona domenica!!!

ingredienti:
150 gr farina mais fioretto
150 gr farina 0
20 gr granella di pistacchio
20 gr granella di nocciole
125 gr burro leggermente salato
30 gr burro
80 gr zucchero di canna
70 gr latte condensato zuccherato

1 puntina di cucchiaino di bicarbonato

Impastare velocemente creando delle briciole.

Accendere il forno a 180 gradi.

Distribuire sulla placca del forno le briciole e completare con gli smartis.

Infornare per circa 25/30 minuti.
****
Vi lascio un'altra variante molto più secca di quelle che fanno centomila briciole da raccogliere!

350 farina 00
100 gr farina mais fioretto
50 granella nocciole
75 gr burro
75 gr strutto
2 tuorli
buccia di limone
150 gr zucchero
10 gr zucchero vanigliato.

Crostatine al salmone...di Mary




Appena ho visto da Mary questa torta salata mi è piaciuta subito, così ho preso gli ingredienti e invece di fare una torta grande ho voluto provare subito i nuovi stampi per crostatine della Guardini della linea KeraMia.

Stampi in acciaio antiaderente con la novità che sono rinforzati con particelle ceramiche.
Il che vuol dire che danno un'altissima antiaderenza e resistenza ai graffi e io aggiungo che non è neppure servito imburrare o mettere carta forno, ho foderato con la pasta e dopo cotte si sono staccate facilmente senza problemi!.


Ingredienti per 4 crostatine:
Impasto frolla:
200 gr farina 0
100 gr farina di mais fumetto
1 uovo
60 gr  burro
100 gr latte
un pizzico di sale

Impastare, avvolgere con pellicola e porre in frigo 40 minuti.

Ripieno:
400 gr di salmone fresco
100 gr di fagiolini
2 uova
100 gr panna fresca
parmigiano.

Sbollentare il pesce e pulirlo dalle lische.

Sbollentare per 7 minuti anche i fagiolini e passarli sotto l'acqua fredda.

In una padella soffriggere un pò d'olio e scalogno, mettere i fagiolini tagliati a pezzi e insaporire, regolando di sale
Unire i fagiolini al salmone, unire le uova, la panna e un bel cucchiaio di parmigiano.

Accendere il forno  a 180 gradi, foderare con la pasta gli stampini, versare il composto e completare a piacere con le decorazioni, infornare per circa 25 minuti.

Nota: ho avanzato un pò di pasta e l'ho usata per un'altra preparazione che vi farò vedere!

Panini al cacao e pere


Buona Festa dell'Immacolata!! Stamattina abbiamo già fatto l'albero di Natale..e chi la teneva più mia figlia, non vedeva l'ora!!:-)
Nella ricetta di oggi c'è la pera, e non la mela, per la gioia di chi non ama le mele nei dolci!:-)

Nel mio caso la pera si è quasi sfatta amalgamandola, comunque il gusto si sente, se si vuole proprio sentire il dadino di pera unirla gli ultimi 3 minuti.
Buona Merenda!!!!!!!!!!
Per una merenda merenda più veloce,gustatevi questo plumcake!


Ingredienti:

nella macchina del pane metto:
20 gr lievito di birra fresco
1 cucchiaino di malto di grano
100 gr manitoba oppure farina per pizza (manitoba 50%, 00 50%)
80 gr latte.
Impasto e lascio lievitare con la macchina spenta per 1 ora.


Altri ingredienti:
80 gr zucchero extrafine Zefiro
1 uovo sbattuto del peso senza guscio di 60 gr

mescolare insieme:
300 gr di farina di kamut
30 gr cacao amaro

170 gr pera abate a dadini (peso netto)
10 gr latte
50 gr burro morbido
7 gr sale

Quando il lievitino è pronto unisco, lo zucchero e poi l'uovo sbattuto.

Successivamente unisco la farina e il cacao alternate al burro molto lentamente.
Dopo 10 minuti unisco il sale e la pera, e poco latte (solo se serve)

Lascio lievitare 2 ore.

Formo le palline, le metto nella teglia, le spennello di latte e lascio lievitare ancora 1 ora.
Inforno a 180 gradi per 20 minuti.

Crostatine con radicchio e taleggio



Ricetta dell'ultimo minuto, un pò improvvisata con quello che avevo a disposizione!come sempre un ottimo riciclo!!
L'impasto di base che si ottiene è morbido.

Per 3 crostatine: diametro 9
150 gr farina con lievito
60 gr burro
acqua fredda.

Ripieno:
pangrattato
radicchio di Treviso saltato in padella
Taleggio a dadini.

Accendere il forno a 180 gradi.

Impastare la farina con burro e l'acqua necessaria ad ottenere un impasto omogeneo.
Rivestire gli stampini, bucherellare la base, mettere poco pangrattato, il radicchio e il taleggio.

Infornare per circa 18 minuti.

Servire calde.

Halibut fritto



Mi piace molto questo tipo di pesce e quando trovo dei bei filettoni lo preparo così oppure al forno alla pizzaiola.
Inoltre preparato in questo modo può essere un ottimo finger food!!!!!!!!

Filetto di halibut
farina
uovo
pangrattato
olio di semi di arachide
sale

Tagliare il filetto in pezzi  della stessa dimensione, asciugarli, passarli nella farina, nell'uovo e nel pangrattato, friggere in olio profondo salare e servire.



Alcune informazioni su questo pesce:

Halibut è il nome anglosassone di alcune specie di pesci d'acqua salata appartenenti alle famiglie Paralichthyidae, Pleuronectidae e Psettodidae. Il più conosciuto comunemente come halibut è l'Hippoglossus hippoglossus, o halibut atlantico, ma esistono altre specie sotto lo stesso nome: halibut nano, halibut lingua di freccia, halibut californiano, halibut cannella, halibut nero, halibut macchiato, halibut giapponese... Tutte molto simili tra loro.
Le caratteristiche fondamentali di queste specie di pesci sono un corpo schiacciato, con entrambi gli occhi sullo stesso lato, una bocca molto grande che arriva fino agli occhi, una mascella prominente dotata di denti robusti e una pinna caudale a forma triangolare. Dal momento che vive adagiato su fondali arenosi o sabbiosi, la sua colorazione cambia da lato a lato, è bianca sul lato rivolto verso il fondale e bruna sul lato opposto dove ci sono gli occhi. L'halibut è un pesce molto grande che può raggiungere una lunghezza di due metri e mezzo e i 200 kg di peso,possiede carni bianche e sode dal sapore molto delicato, adatte a moltissime preparazioni culinarie e ricette creative che ne esaltano le caratteristiche qualità. Grazie alle sue caratteristiche nutrizionali, il consumo dell’halibut della Groenlandia, con il suo contenuto di omega 3, abbinato ad un’alimentazione varia ed equilibrata e a uno stile di vita attivo, contribuisce a mantenere la salute

http://www.cibo360.it/alimentazione/cibi/pesce/halibut.htm
http://www.valori-alimenti.com/nutrizionali/tabella15037.php

Bagels




La ricetta di  questi buonissimi  bagels   l'ho presa dal blog di Paoletta, non avevo dubbi sulla riuscita, le sue ricette sono una garanzia!! Se andate nel suo post troverete anche dei video per la formatura di questi panini.

Ingredienti:

400 gr di farina (100 gr. manitoba - 300 gr. 00)
225 gr di latte bollente
50 gr di burro
25 gr di zucchero
15 gr di lievito di birra
5 gr di sale
1 tuorlo
1 albume
2 cucchiai di latte

Riporto il suo procedimento e in fondo come ho fatto io

Versiamo il latte bollente in una ciotola, aggiungiamo il burro e lo zucchero, facciamo sciogliere il tutto e lasciamo per qualche minuto a intiepidire.

Prendiamo il lievito e lo sbricioliamo direttamente nella ciotola con il latte. Mescoliamo bene e lasciamo riposare per 5 minuti. Se il lievito e' buono e funziona vedrete che comincera' a formarsi una schiumetta.
Ora aggiungiamo l'albume ( il tuorlo lo teniamo da parte per spennellare), e infine il sale.
Mescoliamo ed aggiungiamo la farina impastando prima con un cucchiaio e poi quando diventa troppo denso su un piano di lavoro infarinato.

Qui mi raccomando tanta pazienza. Dovete impastare per bene finche' la pasta non diventa liscia e non si attaccherà più alle mani. Quando diventa liscia, impastate ancora, magari sbattendola sul tavolo per bene. Ci vorranno almeno 10/15 minuti.
Coprite con pellicola o un piatto e lasciatela lievitare per 1 ora circa in forno chiuso e spento, lampadina accesa.
Dovrà raddoppiare il volume.
Prendiamo la pasta, la sgonfiamo e la dividiamo in parti uguali da circa 65 gr l'una, dovranno venire 12 pezzi.
A questo punto si dovranno formare dei piccoli panini tondi
In pratica il concetto è di tirare la pasta da sopra verso il fondo e stenderla fino a che il paninetto sarà bello liscio. La parte brutta, va tirata "in sotto" pizzicando poi per "fermare"...
A questo punto posizioniamo le palline su una teglia coperta di carta forno, in modo che la parte liscia stia sopra e quella brutta e pizzicata stia sotto.
Quando saranno tutte pronte, ci infariniamo bene le mani, il dito indice soprattutto, prendiamo ogni paninetto, lo foriamo col dito esattamente al centro e facciamo girare la pallina attorno al dito come fosse un hula hop ;)
Il buco dovrà essere di circa 2 cm. altrimenti in cottura, lievitando ancora sparisce.

Quando avremo formato i bagels, li lasceremo riposare per 10 minuti.

Intanto accendiamo il forno a 200 gradi e mettiamo sul fuoco un tegame largo e alto con dell'acqua e la portiamo a ebollizione. Abbassiamo la fiamma e lasciamo sobbollire piano piano.

Prendiamo i bagels e li mettiamo dentro il tegame con l'acqua bollente. Metteteli pochi alla volta, io facevo 4.
Facciamo cuocere per circa 10 secondi da una parte, e 10 dall'altra.
I bagel si gonfieranno un po', diventeranno un po' brutti, ma non preoccupatevi, in cottura torneranno lisci e belli come appena formati.

Scoliamoli e mettiamoli qualche minuto ad asciugare su un telo asciutto avendo cura di posizionarli come quando li abbiamo formati, cioè la parte "brutta" sotto.

Ora mettiamoli su una larga placca da forno foderata di carta forno e lasciando abbastanza spazio tra l'uno e l'altro. Altrimenti usiamo due teglie.

Spennelliamoli ora con il tuorlo mescolato al latte, spolveriamo di semi di sesamo o papavero e mettiamo in forno per circa 20 minuti, o comunque fino a completa doratura.

Sforniamo, li mettiamo su di una gratella e copriamo con un panno pulito. Lasciamo raffreddare.
A questo punto possiamo mangiarli subito, ma anche congelarli.

Note mie:
Ho seguito il suo procedimento ma  ho impastato tutto nella macchina del pane, mettendo il sale per ultimo, ho lasciato lievitare direttamente nel cestello.

A me sono venuti 11 pezzi.

Li ho bolliti per un minuto, 2 alla volta.

Li ho cotti a 180 gradi per 15 minuti.

Hamburger con cuore filante


Buongiorno! oggi una bellissima giornata di pioggia...e una bella carica di raffreddore e tosse...non poteva andarmi meglio questo week end!:-(

Va beh dai oggi facciamo qualcosa di semplice, veloce e gustoso e allo stesso tempo con un cuore cremoso!!!!!!


Ingredienti
300 gr di macinato misto manzo e maiale
taleggio
prezzemolo tritato
un trito di rosmarino e salvia
sale
farina
olio extra vergine d'oliva

Amalgamare alla carne il prezzemolo tritato, le erbette e sale

Prelevare con le mani l'impasto allargarlo e al centro porre un pezzetto di taleggio, chiudere bene e pressare con l'apposito stampino per hamburger, in alternativa appiattire con le mani.

Infarinare gli hamburger.

In una padella scaldare poco olio, e rosolarli per bene.

Servire belli caldi.

Crostatine panna e cioccolato




Ho realizzato questo crostatine per una signora la quale mi chiedeva la possibilità di lasciarle nello stampino in modo che il figlio se le porta a scuola e fà merenda.
Cercando nella mia zona ho trovato questi stampini per alimenti, così la cottura avviene direttamente nello stampino senza imburrare o foderare con carta, e una volta fredde si possono portare ovunque!
Stavolta per la crema ho usato quella Uht, giusto per provarla e ma si può usare panna fresca o latte.
Buona merenda!


Ingredienti per 7 crostatine:

300 gr farina con amido
100 gr farina con lievito
80 gr zucchero di canna
70 gr zucchero semolato
150 gr burro leggermente salato
1 uovo
60 gr di panna da montare già zuccherata UHT

Impastare e avvolgere nella pellicola, riporre in frigo.

Crema:
50 gr di cioccolato bianco
50 gr cioccolato al latte e cereali
340 gr panna già zuccherata da montare UHT
250 gr yogurt bianco dolce
25 gr amido di frumento
30 gr di granella di nocciole.

Sciogliere a bagnomaria i cioccolati con la panna. Lasciare raffreddare e unire l'amido, scaldare un pò e mettere da parte.
Quando è fredda unire lo yogurt e la granella di nocciole.

Accendere il forno a 170 gradi.

Foderare con la frolla gli stampi, bucherellare la base, versare la crema, completare con le decorazioni e infornare per circa 30 minuti.

Nota:
la crema mi è bastata per 5 crostatine, ne ho avanzata circa 4 cucchiai, quindi ho unito uno yogurt al caffè, mescolato e riempito le altre 2 crostatine.

Rana pescatrice con radicchio



Ingredienti:
1 rana pescatrice media
radicchio di Treviso
parmigiano
pinoli
sale
4 fettine di pancetta

Saltare in padella con olio e scalogno il radicchio e mettere da parte.

Grattugiare il parmigiano e unire i pinoli tritati

Togliere la lisca centrale del pesce.

Stendere le fettine di pancetta, appoggiare il pesce mettere un pò di sale, il radicchio e cospargere con il composto tritato.

Avvolgere con la pancetta e legare lo spago.

Scaldare bene una teglia antiaderente, quando è ben calda appoggiare il pesce e rosolare per bene da tutti i lati, bagnare con poco fumetto di pesce e coprire. cuocere per circa 20 minuti.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Questo blog non rappresenta un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse i diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione, verranno insidacabilmente rimossi.
Autorizzo la pubblicazione delle mie foto e ricette a condizione venga sempre inserito un link a questo blog
Copyright © Federica Simoni