Caccavelle "golf'e Napule"




Per "le ricette dei lettori" abbiamo ancora una bella ricetta proposta da Giuseppe Broccolo!
Il quale ci propone un piatto di mare molto bello!

Giuseppe mi scrive:

Ti propongo un'altra ricetta: non so se conosci la pasta "Caccavella", prodotta a Gragnano nel napoletano: si tratta del piu' grande formato di pasta esistente (dimensioni 10X10X10 cm^3 per unita' per 50 g di peso), che prende il nome dalle terrine di terracotta usate in passato per la cottura, "caccavella" nel dialetto partenopeo, appunto.

Avendo parenti nel napoletano, ho avuto modo di conoscere questo formato di pasta: e' fatta con farina di semola, trafilata in bronzo, risultando parecchio ruvida e porosa al tatto, e dunque particolarmente adatta ad essere accompagnata con condimenti saporiti pronti per essere ben assorbiti!!!

La ricetta che ti propongo l'ho "inventata" (in realta' non e' nulla di che) pensando appunto a quelle zone: il golfo di Napoli, uno dei piu' bei panorami da osservare, col Vesuvio sullo sfondo...i fondali del golfo sono per lo piu' scogliosi, dunque ricchi di quei pesci "da scoglio", tipo polpi veraci (quelli a due file di ventose per tentacolo), ma anche calamaretti, totani, cozze, vongole, seppioline, scampi...basta preparare un sughetto basato molto sul guazzetto ottenuto dalle cozze, cotto poi assieme ad alcuni pesci del golfo: il tutto deve essere accompagnato da prodotti il piu' possibile autoctoni: da un punto di vista materiale cambia poco, ma quando il boccone e' in bocca al pensiero che quei sapori provengono da li, ti sembra di essere su di una terrazza con quello sfondo spettacolare!!!


RICETTA X PORZIONE:
- 1 Caccavella
- 2 pomodori perini maturi (piu' sono maturi, piu' nella preparazione del sugo risulteranno morbidi, friabili e polposi)
- 1 spicchio d'aglio
- 1/2 cipolla dorata
- prezzemolo q.b.
- basilico q.b.
- pepe nero q.b. sale q.b.
- peperoncino a piacere
- 2 Seppioline
- 2 Calamaretti
 - 2 Totani
 - 1 Scampo
 - Brodo di pesce (gia' pronto, o prelevato dalla cottura di pesce magari servito come seconda portata dopo questo primo)
 - 5 o 6 cozze
- 1 + 1 cucchiai abbondanti di olio e.v.o. (meglio se autoctono)
- 250 ml di Vino Bianco (si consiglia il Vesuvio Bianco D.O.C., bianco non troppo secco, si contraddistingue infatti per essere molto rotondo e zuccherino, nonostante la bassa gradazione, ~11%)


PREPARAZIONE:

1) In una padella, mettere a scaldare 1 cucchiaio abbondante di olio, per poi aggiungere l'aglio tritato, la cipolla tagliata a rotelle e il peperoncino macinato (se piace, il piccantino ci sta bene) e far soffriggere fino a leggera rosolatura della cipolla. A questo punto, a fuoco piuttosto dolce, far saltare i totani, calamaretti e seppioline, tagliati a rondelle e coi ciuffetti tagliati a parte e messi a saltare in padella insieme. Aggiungere in un secondo tempo poi il prezzemolo tritato.

2) Mettere in una pentola con coperchio le cozze col guscio ripulito, coperte a pelo con poca acqua, e farle sobbollire a fuoco dolce; tenere d'occhio il raggiungimento del primo bollore, quando le cozze iniziano ad aprirsi: l'acqua di cottura iniziera' ad assumere una colorazione azzurrognola, tipica del guazzetto prodotto dalle cozze stesse. A quel punto aggiungere il vino bianco, e continuare la cottura in guazzetto stando ben attenti che non si ritiri troppo, giusto fino alla buona apertura delle cozze. Mantenere il coperchio, e far svaporare l'alcol solo nella finale apertura di questo a fine cottura (In questo modo si mantiene un guazzetto il piu' possibile alcolico). NOTA BENE: in alternativa al vino Vesuvio Bianco, va bene qualunque vino bianco, ma prediligendo vini non troppo secchi si ottiene un guazzetto molto gustoso e "dolciastro". Fidarsi! Sara' una lieta sorpresa per il palato...

3) Estrarre le cozze ed usare il guazzetto aromatizzato col vino per riempire una terrina di piccole dimensioni, sale q.b., allungando con del brodo di pesce q.b. per  coprire la caccavella, la quale viene messa solo al raggiungimento del primo bollore di quest'acqua di cottura. Continuare quindi la cottura per non oltre i 4-5 minuti, in modo da avere la caccavella abbastanza al dente, per proseguire nel finale la cottura assieme al sugo di pesce.

 4) Nel frattempo, lavoriamo il contenuto della padella: se i tempi sono rispettati, mentre si attende la cottura della caccavella i calamaretti ed i totani presenti  dovrebbero aver raggiunto un colorato rosato: a questo punto e' possibile aggiungere i pomodori (maturi!!!) tagliati a tocchetti in padella, assieme al pepe nero q.b.. Mescolare alzando leggermente il fuoco. Quando i pomodori saranno sfatti e formeranno un sughetto, aggiungere 1/2 bicchiere di brodo di pesce, e far addensare: solo nella fase finale dell'addensamento, aggiungere lo scampo nel sughetto, a cui e' stato preventivamente aperto il carapace sul dorso ed eliminato  l'intestino (filo nero) con l'aiuto di uno stuzzicadenti, proseguendo cosi la cottura per altri 5 minuti.

5) Terminata intanto la cottura della terrina, scolare il guazzetto di cottura mantenendo la caccavella al suo interno. Aggiungerci poi sia all'interno che all'esterno della caccavella il sughetto col pesce, le cozze, e lo scampo sopra tutto. Proseguire la cottura su fuoco dolce per altri 5 minuti o poco piu', giusto il tempo di far ammorbidire la pasta, e di far assorbire grazie alla trafilatura in bronzo il sughetto. Ammorbidendosi la pasta, assorbira' il sughetto insaporendosi come accade  con le fette di pane scaldate nel cacciucco alla livornese ed acquisendone la stessa facilita' a sfaldarsi, pronta per essete tagliata agilmente con la sola forchetta.

6) Chiudere il fuoco: spolverare con del prezzemolo tritato il contenuto della terrina e aggiungere qualche cimetta di basilico freschissimo, che fa tanto  mediterraneo!!!Servire la portata subito calda, direttamente dentro la terrina di terracotta.

32 commenti:

  1. bellissima e gustosa con un tocco raffinato!

    RispondiElimina
  2. Davvero una proposta molto appetitosa ancora una volta Bravo Giuseppe!!!
    PS:Perche' non consigli a Giuseppe di prendere parte al Contest di Max..''un coccio al mese''e' davvero un bel contest..
    Buona serata

    RispondiElimina
  3. quando vedo pesce non capisco più niente...che delizia!

    RispondiElimina
  4. Buona e bella! Bravo Giuseppe!

    RispondiElimina
  5. Look delicious and tasty Federica!!

    RispondiElimina
  6. Tu mia cara ci prendi sempre per la gola ma anche Giuseppe mica scherza? Questo piatto di pesce è libidinoso. Un bacione, buon we

    RispondiElimina
  7. Proprio un piatto per la domenica delle Palme cara Federica.
    Un abbraccio forte cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  8. Una bella ricetta! BRavo Giuseppe!
    COnosco questo formato di pasta, è meraviglioso e particolare!

    RispondiElimina
  9. Conosco le caccavelle ma non le ho mai mangiate.
    Le hai preparate in maniera buonissima, adoro il condimento che hai utilizzato.

    Bravissima
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  10. Grande Fede, ma grande anche Giuseppe, che piatto a quest'ora..

    RispondiElimina
  11. Gran bella ricetta, complimenti Federica !
    Buon fine settimana
    Mandi

    RispondiElimina
  12. Per un piatto di pesce così potrei far follie!!! Bravo Giuseppe!

    RispondiElimina
  13. un piatto spettacolare , mi piacerebbe proprio provare questa pasta che non sapevo che esistesse, grazie ! un abbraccio e complimenti a Giuseppe
    ciao Reby

    RispondiElimina
  14. La caccavella la adoro! Ma qui mi è inpossibile trovarla! Complimenti al tuo lettore per questa bella ricetta :D

    RispondiElimina
  15. Non conoscevo questo tipo di pasta, sembra ottima poi con tutto questo pesce! Un gustoso piatto!! Bacioni Arianna

    RispondiElimina
  16. addor e' Napule' ...che dire di piu'....

    RispondiElimina
  17. Davvero gustosissime le caccavelle che hai fatto!!! Il condimento è super!!! Un bacio e buona domenica!

    RispondiElimina
  18. Ciao Federica, complimenti a Giuseppe per questo magnifico piatto di mare! Ricchissimo e con tutto il sapore della tradizione napoletana!
    Baci baci

    RispondiElimina
  19. Que delicia de plato, me encanta

    RispondiElimina
  20. mi ci tufferei in quella caccavella così ricca di sapore e profumo di mare! adoro tutto ciò che sa di mare!
    un piatto con i fiocchi!
    abbracci

    RispondiElimina
  21. Federica su www.coccoecannella.blogspot.it c'e' un premio per te:-)!!!!! Baci

    RispondiElimina
  22. si, io le conosco, ma le ho fatte ripiene di parmigiana, che buone così!

    RispondiElimina
  23. Oggi è il giorno dei nomi strani. Dopo il mosciame di tonno ecco le caccavelle.

    Io adoro la pasta con tutto quello che sta in mare e questa proposta è eccezionale.

    Bravissima e buona Domenica. :-)

    RispondiElimina
  24. un piatto davvero delizioso ....da leccarsi i baffi .... ciao un bacione

    RispondiElimina
  25. La Caccavella è un formato di pasta davvero stupendo... e questa ricettina al profumo di mare dev'essere squisita!

    RispondiElimina
  26. Che primo invitante:-) con questo sugo di pesce e' da leccarsi i baffi! Bacioni

    RispondiElimina
  27. Mi fa venir voglia di mare e vacanze... bellissimo piatto!

    RispondiElimina
  28. Mitica e trasformista la Caccavella!

    RispondiElimina

Ciao, grazie per il tuo commento.
Mi fa piacere ricevere anche le tue critiche!
Non esitare a darmi qualche dritta!
Federica
Commenti anonimi se non firmati verranno rimossi.
Commenti con link attivi e inattivi di qualsiasi genere verranno rimossi
Commenti con pubblicità a contest o altro verranno rimossi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Questo blog non rappresenta un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse i diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione, verranno insidacabilmente rimossi.
Autorizzo la pubblicazione delle mie foto e ricette a condizione venga sempre inserito un link a questo blog
Copyright © Federica Simoni