Caccavelle "golf'e Napule"




Per "le ricette dei lettori" abbiamo ancora una bella ricetta proposta da Giuseppe Broccolo!
Il quale ci propone un piatto di mare molto bello!

Giuseppe mi scrive:

Ti propongo un'altra ricetta: non so se conosci la pasta "Caccavella", prodotta a Gragnano nel napoletano: si tratta del piu' grande formato di pasta esistente (dimensioni 10X10X10 cm^3 per unita' per 50 g di peso), che prende il nome dalle terrine di terracotta usate in passato per la cottura, "caccavella" nel dialetto partenopeo, appunto.

Avendo parenti nel napoletano, ho avuto modo di conoscere questo formato di pasta: e' fatta con farina di semola, trafilata in bronzo, risultando parecchio ruvida e porosa al tatto, e dunque particolarmente adatta ad essere accompagnata con condimenti saporiti pronti per essere ben assorbiti!!!

La ricetta che ti propongo l'ho "inventata" (in realta' non e' nulla di che) pensando appunto a quelle zone: il golfo di Napoli, uno dei piu' bei panorami da osservare, col Vesuvio sullo sfondo...i fondali del golfo sono per lo piu' scogliosi, dunque ricchi di quei pesci "da scoglio", tipo polpi veraci (quelli a due file di ventose per tentacolo), ma anche calamaretti, totani, cozze, vongole, seppioline, scampi...basta preparare un sughetto basato molto sul guazzetto ottenuto dalle cozze, cotto poi assieme ad alcuni pesci del golfo: il tutto deve essere accompagnato da prodotti il piu' possibile autoctoni: da un punto di vista materiale cambia poco, ma quando il boccone e' in bocca al pensiero che quei sapori provengono da li, ti sembra di essere su di una terrazza con quello sfondo spettacolare!!!


RICETTA X PORZIONE:
- 1 Caccavella
- 2 pomodori perini maturi (piu' sono maturi, piu' nella preparazione del sugo risulteranno morbidi, friabili e polposi)
- 1 spicchio d'aglio
- 1/2 cipolla dorata
- prezzemolo q.b.
- basilico q.b.
- pepe nero q.b. sale q.b.
- peperoncino a piacere
- 2 Seppioline
- 2 Calamaretti
 - 2 Totani
 - 1 Scampo
 - Brodo di pesce (gia' pronto, o prelevato dalla cottura di pesce magari servito come seconda portata dopo questo primo)
 - 5 o 6 cozze
- 1 + 1 cucchiai abbondanti di olio e.v.o. (meglio se autoctono)
- 250 ml di Vino Bianco (si consiglia il Vesuvio Bianco D.O.C., bianco non troppo secco, si contraddistingue infatti per essere molto rotondo e zuccherino, nonostante la bassa gradazione, ~11%)


PREPARAZIONE:

1) In una padella, mettere a scaldare 1 cucchiaio abbondante di olio, per poi aggiungere l'aglio tritato, la cipolla tagliata a rotelle e il peperoncino macinato (se piace, il piccantino ci sta bene) e far soffriggere fino a leggera rosolatura della cipolla. A questo punto, a fuoco piuttosto dolce, far saltare i totani, calamaretti e seppioline, tagliati a rondelle e coi ciuffetti tagliati a parte e messi a saltare in padella insieme. Aggiungere in un secondo tempo poi il prezzemolo tritato.

2) Mettere in una pentola con coperchio le cozze col guscio ripulito, coperte a pelo con poca acqua, e farle sobbollire a fuoco dolce; tenere d'occhio il raggiungimento del primo bollore, quando le cozze iniziano ad aprirsi: l'acqua di cottura iniziera' ad assumere una colorazione azzurrognola, tipica del guazzetto prodotto dalle cozze stesse. A quel punto aggiungere il vino bianco, e continuare la cottura in guazzetto stando ben attenti che non si ritiri troppo, giusto fino alla buona apertura delle cozze. Mantenere il coperchio, e far svaporare l'alcol solo nella finale apertura di questo a fine cottura (In questo modo si mantiene un guazzetto il piu' possibile alcolico). NOTA BENE: in alternativa al vino Vesuvio Bianco, va bene qualunque vino bianco, ma prediligendo vini non troppo secchi si ottiene un guazzetto molto gustoso e "dolciastro". Fidarsi! Sara' una lieta sorpresa per il palato...

3) Estrarre le cozze ed usare il guazzetto aromatizzato col vino per riempire una terrina di piccole dimensioni, sale q.b., allungando con del brodo di pesce q.b. per  coprire la caccavella, la quale viene messa solo al raggiungimento del primo bollore di quest'acqua di cottura. Continuare quindi la cottura per non oltre i 4-5 minuti, in modo da avere la caccavella abbastanza al dente, per proseguire nel finale la cottura assieme al sugo di pesce.

 4) Nel frattempo, lavoriamo il contenuto della padella: se i tempi sono rispettati, mentre si attende la cottura della caccavella i calamaretti ed i totani presenti  dovrebbero aver raggiunto un colorato rosato: a questo punto e' possibile aggiungere i pomodori (maturi!!!) tagliati a tocchetti in padella, assieme al pepe nero q.b.. Mescolare alzando leggermente il fuoco. Quando i pomodori saranno sfatti e formeranno un sughetto, aggiungere 1/2 bicchiere di brodo di pesce, e far addensare: solo nella fase finale dell'addensamento, aggiungere lo scampo nel sughetto, a cui e' stato preventivamente aperto il carapace sul dorso ed eliminato  l'intestino (filo nero) con l'aiuto di uno stuzzicadenti, proseguendo cosi la cottura per altri 5 minuti.

5) Terminata intanto la cottura della terrina, scolare il guazzetto di cottura mantenendo la caccavella al suo interno. Aggiungerci poi sia all'interno che all'esterno della caccavella il sughetto col pesce, le cozze, e lo scampo sopra tutto. Proseguire la cottura su fuoco dolce per altri 5 minuti o poco piu', giusto il tempo di far ammorbidire la pasta, e di far assorbire grazie alla trafilatura in bronzo il sughetto. Ammorbidendosi la pasta, assorbira' il sughetto insaporendosi come accade  con le fette di pane scaldate nel cacciucco alla livornese ed acquisendone la stessa facilita' a sfaldarsi, pronta per essete tagliata agilmente con la sola forchetta.

6) Chiudere il fuoco: spolverare con del prezzemolo tritato il contenuto della terrina e aggiungere qualche cimetta di basilico freschissimo, che fa tanto  mediterraneo!!!Servire la portata subito calda, direttamente dentro la terrina di terracotta.

Crostata con ricotta e panna acida



Oggi vi propongo una crostata fresca e golosa, ma tra un pò inizio ad aggiornare la lunga lista dei gelati...preparatevi!^_^
Nel ripieno ho usato dei cioccolatini ai cereali, ma come indicato anche nella nota sotto possono essere sostituiti dal tanto cioccolato in arrivo con le uova di Pasqua!!


ingredienti per una tortiera diametro 26

300 gr farina con lievito
50 gr farina di mandorle
150 gr zucchero a velo
150 gr burro
1 uovo
1 cucchiaino di acqua fredda al bisogno

Impastare velocemente e porre in frigo 30 minuti avvolto con pellicola.

Ripieno:
180 gr panna acida
250 gr ricotta
100 gr zucchero
50 gr latte
100 gr di cioccolatini al latte ripieni di crema alla nocciola e cereali

Sciogliere a bagnomaria  il latte e i cioccolatini, mettere da parte e lasciare intiepidire.

Accendere il forno a 170 gradi

Foderare la tortiera con carta forno.

Riprendere la pasta prelevarne un pezzo e foderare la tortiera compresi i bordi, bucherellare la base.

Con le fruste montare la ricotta, la panna acida e lo zucchero da ultimo unire i cioccolatini sciolti.

Versare questo composto sulla base completare con le decorazioni e infornare per circa 35/40 minuti.

Conservare in frigo.

Nota:
ho avanzato un pò di pasta e ho fatto una crostatina piccola.

la panna acida si può fare seguendo questa ricetta, oppure può essere sostituita da pari peso di ricotta, o da pari peso di yogurt greco.

i cioccolatini possono essere sostituiti con cioccolato fondente o al latte e magari può essere utile far fuori quello delle uova di pasqua!^_*

Torta salata con piselli e fagiolini



Sono molte le cose che mi piace sfornare, tra queste le torte salate...a mio marito piacciono un pò meno..però ogni tanto si "sacrifica"^_^
Una torta salata con un ripieno di verdure di stagione, un piatto unico..da portare anche nelle gite fuori porta di pasquetta!

ingredienti per una tortiera diametro 24

Pasta brisè con uovo:
100 gr burro
200 gr farina 0
1 tuorlo
120/130 circa gr acqua fredda
impastare velocemente, avvolgere con pellicola e porre in frigo.

ripieno:
piselli
fagiolini
prosciutto cotto a fettine
galbanino a fettine
150 gr philadelphia al prosciutto cotto
parmigiano
1 uovo
1 tazzina di latte.

Mentre la pasta riposa in frigo,  sbollentare per 10 minuti in acqua bollente i piselli e i fagiolini, scolarli  e ripassarli in padella con poco burro chiarificato, sale e prezzemolo.

Lasciare intiepidire.

Sbattere con le fruste l'uovo il philadelphia il parmigiano grattugiato e il latte.

Prendo 3/4 di pasta la stendo nella tortiera compresi i bordi, bucherello la base, metto le fettine di prosciutto cotto, le verdure e copro con il composto di uova.

inforno a 180 gradi per circa 40 minuti.

Nota: si avanza un pò di pasta.

L'ha provata la bravissima Bietolina in cucina, qui il suo bellissimo post. Grazie!!!!!

Coppa al muesli



Oggi una coppetta energetica, molto veloce ma che dà la giusta carica!!
Io ho usato i miei biscotti  di semola, ma si possono usare savoiardi o pavesini, e anche per la bagna si può usare del caffè in alternativa al nesquick.


Ingredienti per 2 coppe:
125 yogurt al caffè
125 gr yogurt alla stracciatella
biscotti di semola sbriciolati
latte e nesquick

muesli alla frutta secca

Mescolare lo yogurt, e mettere da parte.
Sciogliere il nequick nel latte
Sbriciolare i biscotti e metterne un pò nel fondo della coppa bagnare di latte e nesquick
Mettere un pò di yogurt, ancora biscotti, bagnare e terminare con lo yogurt.
Completare con il muesli croccante alla frutta secca

Fagottini di sfoglia 2 gusti




Buona settimana!

Oggi vi propongo dei fagottini veloci e sfiziosi, e pure bigusto!!^_^
Veloci da preparare e adatti anche per l'antipasto di Pasqua!
Se cercate altre idee nel blog trovate quelli con rana pescatrice e pomodori secchi, o al salmone, o con asparagi, con salsiccia, o con carciofini.


Ingredienti per i fagottini ai funghi:
2 rotoli pasta sfoglia rettangolare
200 gr robiola
parmigiano grattugiato
150 gr funghi trifolati
2 wurstel

Mescolare in una ciotola i funghi trifolati con la robiola, il parmigiano e i wurstel a dadini.
Tagliare dei quadrati dalla pasta, farcire con il composto chiudere sigillando bene e a piacere passarli nei semi di sesamo.

Infornare per circa 20/25 minuti

Ingredienti per i fagottini ai peperoni e mascarpone:

1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
mezzo vasetto di peperoni grigliati sottolio
150 gr mascarpone
parmigiano grattugiato
origano

Accendere il forno a 200 gradi.

mescolare mascarpone, parmigiano, peperoni a pezzettini e origano.
farcire i quadrati di pasta sfoglia, chiudere per bene spennellando i lati con l'acqua e infornare per circa 20 minuti.

Muffin alla panna acida ,cacao e caffè


Buongiorno!!!!!!! buona domenica!!

Per queste tortine super morbide ho usato la panna acida, se non si trova potete vedere su cookaround come fare, oppure sostituirla con yogurt greco.


Ingredienti: per 7 muffin

250 gr farina con lievito Molino Rossetto
180 gr panna acida
130 gr zucchero
80  gr d'olio di girasole
100 di latte + 3 bustine di nescafè mocaccino sciolto  (oppure caffè forte)
40 cacao amaro
1 uovo
70 gr di gocce di cioccolato fondente

Accendere il forno a 180 gradi

Mescolare, farina,cacao e gocce.

Sbattere uovo e zucchero, poi unire l'olio, panna, caffè e da ultima la farina e le gocce.

Versare negli stampini e infornare per circa 20/25 minuti.
Vale la prova stecchino.

Grazie ad Elisa del blog Psiche e Cannella per aver provato la ricetta, qui trovate il suo bellissimo post!

Panini, grissini e crackers



Dopo le focaccine veloci, sono passata al lievitato "serio" ^_^, e sono stata contenta di aver fatto 3 esperimenti con un solo impasto, è stato davvero un successo!!
Come già detto nel post precedente, i fiocchi sono facoltativi, potete ometterli o si possono sostituire con parmigiano, emmental, o groviera.
Panini morbidi,  grissini e crackers da sgranocchiare uno dietro l'altro..croccanti e friabili!!

Ingredienti:
500 gr farina 0 per pane Molino Rossetto
50 gr fiocchi d'orzo tritati (facoltativi)
1 cucchiaio di zucchero di canna
22 gr lievito di birra fresco
origano secco
basilico fresco tritato
270 gr yogurt bianco intero
30 gr burro morbido
12 gr sale
30 gr latte
60 gr kefir (oppure latte)

pochissimo burro per i crackers.

Nella macchina del pane metto la farina, i fiocchi, le erbette, il lievito e lo zucchero inizio l'impasto unendo lo yogurt, successivamente unisco il burro morbido e da ultimo il sale.
Metto latte e kefir necessari a rendere il composto morbido e omogeneo.
Copro con panno umido e lascio lievitare 1 ora e mezza.

Riprendo l'impasto e senza impastarlo decido di fare 3 cose:

Panini: ne formo 9 da 35 gr. li spennello di olio e acqua in parti uguali e li metto a lievitare.

Grissini: ricavo dei pezzettini li stendo fino a riempire una placca del forno, li spennello anche questi come i panini e li metto a lievitare.

crackers: stendo l'impasto rimasto sottile a rettangolo, spalmo un sottilissimo strato di burro morbido, chiudo tutti i lati verso il centro e ristendo per bene molto sottile.
bucherello con il bucasfoglia, taglio con la rotella dentellata e spennello il tutto di olio e acqua a piacere spolverare di sale.

Nel frattempo ho acceso il forno a 200 gradi.

I crackers sono i primi passare in cottura per circa 12 minuti, sorvegliare la cottura mi raccomando.

poi è la volta dei grissini che sono stati a lievitare 45 minuti e si sono cotti in 13 minuti, anche qui sorvegliare.

da ultimi i panini che sono stati a lievitare 1 ora, e la cottura è stata di circa 15 minuti.

Fagiolini con wurstel



Buongiorno! oggi è veramente una bella giornata di sole che invoglia ad uscire e non stare certo al pc!
Vi lascio quindi questa ricetta facile e gustosa ed esco a fare una passeggiata!!^_^


Ingredienti:
100 gr di fagiolini
60 gr di wurstel
scalogno
burro chiarificato
prezzemolo
200 gr di panna fresca
1 uovo
50 gr parmigiano

Spuntare i fagiolini e cuocerli in acqua salata per circa 15 minuti, scolarli.

In una padella con il burro mettere lo scalogno, soffriggere e poi unire i fagiolini e i wurstel.

Lasciare insaporire 2 minuti.

Accendere il forno a 180 gradi.

Ungere le pirofile con pochissimo burro.
Sbattere uova, panna, e quasi tutto il parmigiano, pepe e sale.

Mettere i fagiolini nelle pirofile, versare il composto preparato, terminare con il parmigiano rimasto e infornare per circa 25 minuti.

Biscottini al latte in polvere




Come già detto in questo post dove ho fatto il pane,ho preso al Molino Rossetto il latte scremato in polvere e ho voluto provarlo stavolta  per fare dei biscottini.
L'uso del latte in polvere rende molto più morbidi e ricchi i prodotti da forno e ne facilita la cottura se si aggiunge 1 o 2 cucchiai a secco, arricchisce gli impasti senza renderli troppo liquidi
Ne sono usciti dei biscottini ottimi per l'inzuppo a colazione!!!
Ho fatto 2 forme per vedere quella migliore per l'inzuppo e secondo il nostro parere sono migliori quelli rotondi.


400 gr farina con amido Molino Rossetto
40 gr latte scremato in polvere Molino Rossetto
170 gr zucchero
100 gr burro
1 uovo
buccia di limone
7,5 gr ammoniaca per dolci sciolta in poco latte.


Impastare burro e zucchero, unire l'uovo la buccia di limone, la farina il latte e da ultima l'ammoniaca.

Formare una palla, avvolgere con pellicola e mettere in frigo 1 ora.

A questo punto ho fatto 2 prove, una parte l'ho stesa col il mattarello e ritagliato le forme, con l'altra parte ho fatto palline.

Accendere il forno a 170 gradi e infornare per circa 15 minuti, occhio che prendono colore velocemente per via del latte in polvere.

Sfornare, lasciare raffreddare nelle placche e poi riporre in una scatola di latta.

Focaccine alle erbette




La ricetta l'ho vista tanto tempo fa alla prova del cuoco, non sono delle focaccine con lunghe lievitazioni o con procedimento complesso,si usa il lievito istantaneo, io ho messo il cremortartaro in alternativa si può mettere lievito per torte salate, o farina autolievitante.
Focaccine semplici adatte sopratutto a un antipasto da abbinare a salumi.
Un'altra idea veloce la trovate qui.
I fiocchi d'orzo potete ometterli e ad esempio sostituirli con del parmigiano grattugiato, o del gruviera o provola. 
Ho fatto comunque lo stesso impasto con il lievito di birra... vi farò vedere cosa ho combinato!!


Ingredienti per 12 focaccine
400 gr farina 00
9 gr sale
270 gr yogurt bianco intero
30 gr burro morbido
50 gr fiocchi d'orzo tritati (facoltativi)
1 cucchiaio zucchero di canna
1 bustina di cremortartaro 17gr
1 cucchiaio di origano secco
1 cucchiaio di basilico fresco tritato

Accendere il forno a 180 gradi

Nella macchina del pane inizio con l'impastare farina e lievito mescolati,i fiocchi tritati, lo zucchero, yogurt, le erbette e il burro, il sale per ultimo
Ho unito anche 50 gr di latte per rendere l'impasto morbido e omogeneo.

L'impasto si può tranquillamente fare a mano mettendo nello stesso ordine indicato come per l'impasto nella macchina del pane.

Ho formato le focaccine, bucate con il buca sfoglia e infornate per 30 minuti

Crostata alla crema




Una semplice crostata alla crema, arricchita da un mix di farine con alla base dei biscotti croccanti al cioccolato e per completare una deliziosa crema pasticcera!!!


Ingredienti per una tortiera diametro 24

Frolla:
250 gr farina 0
50 gr farina di mais fioretto
35 gr farina di mandorle
15 gr farina di pistacchio.
130 gr zucchero
130 gr burro
1 uovo
10 gr acqua fredda
1 bustina di lievito per torte salate.

Metto le farine e il lievito in una ciotola, al centro metto zucchero e burro, inizio a impastare, unisco l'uovo e solo se serve l'acqua.

Avvolgere con pellicola e mettere in frigo.

Preparare la crema:
450 gr di panna fresca (2 confezioni da 250 ml )
2 uova
130 gr zucchero
50 gr amido di frumento

Scaldare la panna
Sbattere uova, zucchero e amido, unire la panna calda e porre su fuoco dolce e fare addensare.
Versare in un contenitore coprire con pellicola.

Accendere il forno a 170 gradi.

Foderare la teglia con carta forno, prendere la pasta frolla e rivestire fondo e bordi.

Sbriciolare sulla base 5 biscotti grancereale al cioccolato.

Versare la crema, completare con le decorazioni e infornare nella parte più bassa del forno per circa 45/50 minuti.

Ho avanzato un pò di frolla e ho fatto dei biscottini



Post aggiornato:Mini panini al mais

Linguine allo champagne in salsa di aragosta




Per la rubrica "le ricette dei lettori" oggi vi propongo questa ricetta di Giuseppe Broccolo di Firenze,
appassionato di cucina, mi ha inviato questo piatto che da subito mi è piaciuto, un primo molto raffinato da proporre nelle grandi occasioni.

Segue la sua ricetta:

Un modo alternativo di cuocere la pasta, che finisce la sua cottura contemporaneamente assieme
alla fine della cottura della sua salsa di condimento, a base di aragosta  e tuorli d'uovo...

   ingredienti per 2 persone

     250 g di linguine lisce (non ruvide, nemmeno fresche)
        4 tuorli d'uovo
        1 albume d'uovo
        1 Aragosta (meglio fresca da pescivendolo) da ~800 g
         Prezzemolo Fresco q.b.
        1 Bottiglia da 750 ml di Champagne (o Brut, o altre tipologie di prosecchi pregiati)
        1 Limone
        1/2 cipolla bianca
        3 cucchiai d'Olio Extravergine d'Oliva
        Noce Moscata q.b.
        Paprika Forte q.b.
        1 peperoncino piccante
        Pepe Bianco q.b.
        Pepe Nero q.b.
        Sale

     Preparazione

0)      Primo passo, un preparato da mettere poi da parte fino all'ultimo, che ci servirà per finalizzare la
salsa di aragosta: prelevare i 4 tuorli d'uovo, montarli assieme con una spolverata di Noce Moscata, un
pizzico di sale (senza esagerare, verrà aggiunto ulteriormente altrove), ed un pizzico di pepe nero. Le
quantità per speziare sono a gusto del cuoco, ma si suggerisce di prediligere la noce moscata nelle
quantità in questa fase, e di aggiustare  di pepe nero successivamente nella fase finale della
preparazione (vedi punto 7). Dopo aver ben sbattuto tuorli e spezie, coprire il preparato, meglio con della
pellicola trasparente per conservarne gli aromi, e conservarlo da parte pronto per essere poi usato.

     1)  Riempire q.b. una casseruola d'acqua e con dei ciuffi di prezzemolo fresco, SENZA SALARE. 
Raggiungere il primo bollore, abbassare il fuoco fino a farlo disperdere. Immergere a questo punto
l'aragosta. Se fresca, cioé non proveniente dal congelatore, avrà la polpa priva di microcristalli d'acqua, per cui l'aragosta potrà sopportare una prima cottura a fuoco lento, per poi repentinamente farla ribollire ad alta temperatura per pochissimo tempo, SENZA CHE LA POLPA SI DISFACCIA E INIZI SOTTO PRESSIONE DEI MICROCRISTALLI D'ACQUA CHE EVAPORANO A FUORIUSCIRE DAL CARAPACE. Procedere quindi, una volta abbassato il fuoco ed essersi accertati che il primo bollore é disperso, immergendo l'aragosta e farla cuocere per 5 minuti: in fase finale di cottura, AGGIUNGERE 3-4 BICCHIERI DELLO CHAMPAGNE, quindi innalzare il fuoco finoad ebollizione, continuare così la cottura a fuoco vivace fintanto il carapace del crostaceo non assume una colorazione rosso vivace, già molto accentuata se l'aragosta é in ottimo stato. Questa ultima fase di ebollizione non dovrebbe comunque durare oltre i 4-6 minuti. Togliere l'aragosta così bollita, e con l'aiuto di un colino forato eliminare dall'acqua i ciuffi di prezzemolo. Chiudere con un coperchio l'acqua di cottura, che NON DEVE ESSERE MAI DISPERSA: racchiude in se un prezioso brodo, contenente gli zuccheri e parte dell'alcol non evaporato dello champagne, altre tipologie di zuccheri più complessi rilasciati dal carapace dell'aragosta e gli odori del prezzemolo, con cui andremo a CUOCERE le linguine. Per il momento quindi coprire con il coperchio la pentola, a fuoco spento.

     2)   Procedere quindi con l'aragosta: con una forbice adatta, tagliare l'aragosta esattamente a metà tagliando lungo il profilo del carapace, e tagliare poi quindi l'interno della polpa con l'aiuto di un coltello a lunga lama. Togliere da ciascuna 1/2 aragosta la polpa prelevandola "a tocchetti" con l'aiuto di un cucchiaio, senza rompere il carapace (se la cottura in ebollizione é stata ben eseguita, la polpa si dovrebbe staccare con estrema facilità) che ci servirà in fase di preparazione della portata del piatto, e deporli in una ciotola.

     3)      Mettere a scaldare in padella l'Olio Extravergine d'Oliva, e quindi aggiungere la cipolla bianca
tagliata ad anelli divisi successivamente in quarti,col peperoncino intero o spezzettato a seconda dei
gusti, l'importante è che si crei un sapore dal retrogusto piccantino. Quando la cipolla avràraggiunto una
certa doratura, aggiungere i tocchetti di polpa d'aragosta a saltare assieme su fuoco abbastanza vivace
inizialmente per pochi minuti,salando e pepando (bianco) giusto un poco, e spolverando con un pò di
paprika forte i tocchetti di aragosta, mescolando vivacemente in modo che la spezia contribuisca ad
esaltare il colore rosso del crostaceo, oltre che il retrogusto piccante che arricchirà il piatto;  abbassare
quindi il fuoco a piccola fiamma, ed iniziare la preparazione della "salsa di aragosta". In una ciotola a
parte, mescolare l'albume con la porzione rimanente dei 750 ml di Champagne e col limone
precedentemente spremuto, e dopo aver ben mescolato fino ad ottenere una salsa densa e frizzante,
aggiungere un mestolo alla volta sui tocchetti di aragosta, assicurandosi così che siano ben umidi e che
RIMANGA SEMPRE UN MINIMO DI SALSA UMIDA NELLA PADELLA.

     4)      NEL FRATTEMPO (FONDAMENTALE LA SCELTA DEI TEMPI !) rimettere a scaldare l'acqua di bollitura dell'aragosta, buttando ogni tanto un occhio alla padella con la preparazione della salsa di aragosta, e l'altro alla pentola per seguire quella che sarà la COTTURA DELLE LINGUINE ALLO CHAMPAGNE:  raggiunta frettolosamente l'ebollizione, mettere a cuocere le linguine SALANDO l'acqua (non avendolo fatto precedentemente data la presenza dell'aragosta!!) PER POCHISSIMI MINUTI, avendo premura di cuocerla PARTICOLARMENTE AL DENTE, visto che proseguiremo con la cottura della pasta successivamente in padella, assieme ai tocchetti di aragosta, CONTEMPORANEAMENTE
in fase di preparazione della salsa di aragosta.

     5)       Nel caso ci si accorga che i tocchetti di aragosta si asciugano molto (occhio che non rapprenda
in alcun modo l'albume!!), cosa che accade se non si coordinano bene i tempi con la rimessa in
ebollizione della pentola, bagnare i tocchetti anche col "brodo" di cottura delle linguine, finché
queste non verranno scolate (ricordarsi di averle comunque abbastanza AL DENTE). Scolata la pasta,
saltarla assieme al preparato della salsa di aragosta, alzando la fiamma VIVACEMENTE in modo da far
evaporare la salsa rimasta sul fondo della padella, pur senza prosciugarla totalmente. In questo modo, gli zuccheri dello Champagne cristallizzeranno sulla superficie della pasta, che è stata SCELTA APPOSITAMENTE liscia e non porosa proprio per non assorbire i liquidi ma mantenerli in superficie.

     6)        L'operazione precedente non deve prendere comunque oltre qualche minuto, così da poter
passare alla fase finale della preparazione:SPEGNENDO il fuoco e ALLONTANANDO
ASSOLUTAMENTE la padella dal gas, in modo da dare quei pochi secondi per raffreddare di quei
20-30 gradi che servono in meno, AGGIUNGERE il preparato coi tuorli d'uovo a completare la salsa di
Aragosta. L'aggiunta deve avvenire in modo deciso,uniformemente sul cibo presente in padella, e
mescolata velocemente e ripetutamente in modo che IL TUORLO NON RAPPRENDA MAI. Il cuoco
"abile" riuscirà così ad ottenere una salsa di colore rossastro, che ben si sposa coi tocchetti di aragosta
che nel frattempo si saranno leggermente frantumati e amalgamati col resto della salsa, a formare la
SALSA D'ARAGOSTA. L'effetto "cremoso" è così assicurato, senza l'aggiunta di panne o altri grassi,
come  accade in certe ricette di "carbonare" propinate da cuochi non capaci di gestire il rapprendersi
delle uova. FONDAMENTALE PER QUESTO SCOPO L'USO DEI SOLI TUORLI...

     7)        Le linguine così saltate in padella sono pronte: per servirle, adagiarle su di un piatto di portata
ovale piuttosto fondo, tra le due metà del carapace precedentemente spolpato, e spolverare a piacere
uniformemente con del pepe nero. All'aspetto risulterà un piatto di linguine cremoso, di colore rossastro,
con un vago aroma frizzanti. Il sapore dello Champagne risulterà invece più "deciso" in bocca, ma solo
dopo aver deglutito il boccone di linguine, permanendo come retrogusto dopo un brindisi…piatto quindi
da grandi occasioni, tenuto conto anche del costo!! (Aragosta: ~ 40 €/kg; Champagne: ~ 30 €/bottiglia).

Sbriciolata al muesli croccante






Buongiorno!!!!!!!! ci ho preso gusto a fare questo genere di torte!!
Per la colazione mi prendo a volte il muesli croccante alla frutta secca e mentre me lo gustavo nello yogurt mi è venuta l'idea di farci una torta....e ho pensato bene!!^_^  Se siete tanto golosi c'è anche la sbriciolata golosa...oppure quella allegra!!buona merenda!!


Teglia rettangolare 22x28 Keramia Guardini

125 gr farina 00
65 gr farina di farro integrale macinata a pietra
65 gr farina di mais fioretto
125 gr zucchero di canna
125 gr burro
130 gr muesli croccante (vitalis cameo)
2 cucchiai di marsala secco
1 uovo
1 tuorlo

Ripieno:
170 gr yogurt greco
150 gr philadelphia milka

40 gr granella di nocciole

accendere il forno a 170 gradi.

in un ciotola metto le farine e il muesli, al centro metto lo zucchero e il burro a pezzi piccoli.
Inizio ad impastare e unisco le uova sbattute e il marsala, creando delle briciole

In una ciotola mescolare yogurt e philadelphia.

Prendo la teglia, metto alla base un pezzo di carta forno.

Inizio a sbriciolare l'impasto sulla base, ne conservo una parte.

Metto la crema, e copro con le restanti briciole, e cospargo di granella di nocciole.

inforno nella parte più bassa del forno per circa 35/40 minuti.

Nota:
si può usare anche una teglia diametro 26  e sbriciolare semplicemente l'impasto senza il ripieno

Grissini e crackers di Kamut




Oggi uno snack! al Kamut naturalmente!!

Ingredienti 
250 gr farina di Kamut  Molino Rossetto
10 gr malto d'orzo in polvere o zucchero
7 gr lievito madre essiccato di Kamut
6 gr sale
20 gr olio extra vergine d'oliva
145 gr acqua

Impasto nella macchina del pane:

Farina, malto e lievito, mescolare bene unire metà acqua e iniziare l'impasto poi unire l'olio dopo 2 minuti unire il sale e la restante acqua poca per volta.
Dovete ottenere un impasto solido quindi unire piano piano l'acqua potrebbe non servirvi tutta.

Lasciare lievitare coperto per 2 ore e mezza.

Riprendere e senza rimpastare prelevare pezzettini da 20 gr l'uno

Accendere il forno a 180 gradi.

Prendere ogni pezzettino  arrotolarlo, spennellare il tutto con olio e acqua

Metà impasto l'ho steso MOLTO sottile, bucherellato con il buca sfoglia, pennellato con olio e acqua e tagliato a quadrati.

Cotture:
Grissini inforno a 180 gradi per 20 minuti, poi abbasso 50 gradi e con funzione ventilato li faccio asciugare per circa 15 minuti, qui dovete controllare perchè ogni forno ha i suoi tempi diversi.

Crackers:
finchè cuocio i grissini i crackers pronti li metti in frigo.

Poi li inforno a 180 gradi per 8 minuti, poi abbasso a 160 gradi per 10 minuti e poi a 50 gradi ventilato per 15 minuti devono venire croccanti. Anche qui ognuno deve regolarsi con il proprio forno.

Attenzione il prodotto che ottenete per entrambe le versioni è croccante ma non friabile!!!

Nota
Sostituire il lievito madre con:

8 gr il lievito di birra fresco
3 gr di lievito disidratato







Spiedini di rana pescatrice e pomodori piccadilly





Per questa ricetta ho preso spunto da Alice cucina di marzo per gli spiedini di rana pescatrice invece per la preparazione dei pomodori piccadilly ho seguito la dritta che mi ha dato Rossella. Grazie!^_*
Cena perfetta!! leggera e gustosa!!

Ingredienti:
1 rana pescatrice media.
prezzemolo
olio extra vergine d'oliva
pepe, sale
pangrattato
parmigiano
mollica di pane
origano
capperi dissalati
Pomodori piccadilly


Pulire il pesce dalla pelle e dalla spina centrale e tagliarlo a cubotti.

Pulire i pomodori tagliandoli a metà, togliere i semi e metterli a sgocciolare in un colapasta.

Tritare abbondante prezzemolo

In un ciotola mescolare mollica di pane, prezzemolo, origano sale, pepe parmigiano.

Accendere il forno a 180 gradi.

Nella placca del forno foderata di carta apposita mettere i pomodori con la parte tagliata in su coprirli del composto preparato, completare con un filo d'olio e infornare per circa 20 minuti.

Nel frattempo preparare la panatura per il pesce:
mescolare il pangrattato, prezzemolo, pepe, sale.
Passare i cubotti di pesce in poca acqua, e poi nella panatura infilarli negli stecchini , metterli in una pirofila, completare con  un filo d'olio e infornare per 15 minuti circa.

Salsa d'accompagnamento:
frullare con il mixer ad immersione capperi, prezzemolo, parmigiano,e olio.

Impiattare gli spiedini con i pomodori gratinati e la salsina.

Nota:
se si usano stecchini di legno metterli a bagno per almeno 20 minuti, eviterete che si brucino in cottura.

Panini allo yogurt greco e latte in polvere




Buongiorno!!!!!!!!il pane che propongo oggi è semplice da realizzare  ma la caratteristica che lo distingue dagli altri pani fatti fino ad ora è l'utilizzo del latte in polvere che ho preso allo shop del Molino Rossetto.
Come sempre sono curiosa di provare e per prima cosa ho impastato questi panini risultati molto soffici.
L'uso del latte in polvere rende molto più morbidi e ricchi i prodotti da forno e ne facilita la cottura, se si aggiunge 1 o 2 cucchiai a secco  arricchisce gli impasti senza renderli troppo liquidi
Chi fosse interessato può acquistarlo on line, è chiaro che si può omettere nell'impasto facendo attenzione in fase d'impastamento alla quantità di liquidi da inserire.
Se vi piace l'uso dello yogurt greco negli impasti, nel blog trovate questi panini,  questa focaccia semplice e questa farcita con tonno e cipolla!!


Ingredienti per 14 panini

Lievitino:
12 gr lievito di birra fresco
10 gr zucchero
50 gr farina 0
60 gr latte
In una ciotola sciogliere il lievito con lo zucchero e il latte unire la farina e formare una pastella morbida. coprire con panno umido e lasciare lievitare per 1 ora.

ingredienti Impasto:
500 gr farina 0 Antico Molino Rosso
50 gr latte in polvere Molino Rossetto
170 gr yogurt greco
25 gr strutto (in alternativa olio extra vergine d'oliva o olio di semi di girasole)
165 gr latte
14 gr di sale

Impasto e lievitazione nella macchina del pane:

Farina, latte in polvere e lievitino avviare la macchina dopo un pò unire in più riprese lo yogurt e dare tempo che venga assorbito poi unire lo strutto.
A questo punto unire poco latte per volta per vedere quanto assorbe la farina, anche qui potrebbe essere che basta, o ne richiede di più o meno
Dopo 7 minuti d'impasto unisco il sale.

Lascio lievitare 2 ore.

Riprendo e senza impastare formo i panini.

Li spennello di latte e li rimetto a lievitare ancora 1 ora.

Li inforno a forno preriscaldato a 180 gradi per 18/20 minuti.

Se l'impasto è ben lievitato il tempo di cottura è breve!

Plumcake ciocco caffè al Kamut



Dopo le tortine all'arancia di ieri, continuo con un plumcake energetico, sempre con la farina di Kamut come per il plumcake alle nocciole! provatelo è piaciuto davvero tantissimo!

Ingredienti stampo rettangolare 25x11 linea Thermomagie Guardini

300 gr farina di Kamut Molino Rossetto
20 gr amido di riso Molino Rossetto
20 gr nescafè mocaccino (oppure 20 gr di caffè macinato)
250 gr panna fresca
1 bustina di cremortartaro
60 gr burro
100 cioccolato fondente di Modica al caffè
2 uova
180 gr zucchero

fondere a bagnomaria il cioccolato assieme al burro e alla panna, mettere da parte.

Accendere il forno a 175 gradi

Imburrare e infarinare (io uso la farina di mais fioretto) lo stampo.

In una ciotola mescolare farina, amido, caffè e lievito

Montare a lungo le uova e lo zucchero, iniziare ad unire alternando le farine e il composto sciolto.

Versare nello stampo e infornare in totale per circa 50 minuti, passati 35 minuti ho coperto con carta argentata.
Fare sempre la prova stecchino.






Tortine all'arancia naturale



Ricetta che  gira nei blog e che ha colpito anche me! L'ho vista  da Rossella, del blog Le delizie di casa mia,  anche se la fonte iniziale viene dal blog di Lory.
Grazie sono veramente deliziose!!

ingredienti per 16 tortine:
300 gr farina con amido Molino Rossetto
300 gr zucchero
3 uova
1 arancia bio
120 gr latte (1/2 bicchiere)
80 gr olio di semi di girasole (1/2 bicchiere)
1 bustina di lievito per dolci

Accendere il forno a 180 gradi

Tagliare l'arancia a pezzi compresa la buccia.

In un mixer frullare l'arancia, l'olio e il latte.

Montare le uova con lo zucchero, unire il composto frullato, poi unire la farina e il lievito.

Versare nei pirottini e infornare per circa 20 minuti.

Tigelline veloci



La ricetta l'ha proposta Antonella Clerici alla prova del cuoco, provatele perché sono ottime! L'unica cosa che ho riscontrato è quelle stese senza mattarello sono migliori perché in cottura si gonfiano creando delle belle bolle.
Lei le ha cotte in padella 3 minuti per parte coperta..io nel mitico fornetto G3 Ferrari!!^_^

Ingredienti

430 farina farina con lievito Molino Rossetto (oppure farina 00+1 bustina per torte salate)
250 gr yogurt intero bianco
40 gr + 30gr acqua
1 cucchiaio di sale

Mescolare farina e sale iniziare ad impastare unendo lo yogurt e unire piano l'acqua, formare un impasto omogeneo e fare riposare 30 minuti coperto, con pellicola.

Accendo il fornetto G3 ferrari al 2,5.

Divido la pasta in 10 palline e le stendo una parte con il mattarello e una parte a mano.

Le lascio riposare 10/15 minuti.

Le inforno e in pochissimi minuti sono cotte!

Farcire a piacere!!!!!!!!!!!

Bauletti di vitello con casatella


Buongiorno!!
Oggi un secondo piatto tutto sommato veloce ma appetitoso!
Per il dolce visto che oggi è la festa della donna vi mando a sbirciare una deliziosa cheesecake, dei golosi muffin o in alternativa una  bella crostata!!


ingredienti:
2 fettine sottili di fesa di vitello
formaggio casatella, in alternativa formaggio Tosello simile alla casatella
timo
olio sale pepe
farina, burro

Amalgamare al formaggio il timo e un pò di pepe.
Mettere al centro della fettina un pò di ripieno, piegare in due e fermare con lo stuzzicadenti.

Infarinare la carne, premendo bene dai lati in modo che la farina faccia da collante.

In una padella scaldare olio extra vergine d'oliva , rosolare la carne da entrambi i lati, bagnare con poco brodo vegetale coprire  e portare  a cottura.

Quando sono pronti amalgamo a parte poco burro e farina in parti uguali e li metto sopra ai bauletti aspetto che si formi una cremina, metto un po di sale e spengo

servire con patate saltate in padella e spolverate di timo.

Informazioni sulla casatella:
La Casatella Trevigiana DOP è un formaggio a pasta morbida, lucida, lievemente mantecata, fondente in bocca, di colore da bianco latte a bianco crema; sono ammesse lievi occhiature minute. La consistenza della pasta e' tale da rendere la crosta esente o appena percepibile.
Presenta forma tradizionalmente cilindrica, profumo lieve, latteo e fresco e sapore dolce, caratteristico da latte, con venature lievemente acidule.
fonte

Tortine con farina di riso



Ancora muffin...ma con farina e amido di riso!! morbidissime e  cioccolatose!! provatele!
Se invece vi piacciono i biscotti con la stessa farina non potete non provare questi biscottini con farina di riso e nocciole!

Ingredienti per 16 tortine

150 gr zucchero canna
150 gr burro morbido
3 uova
50 gr gocce di cioccolato
2 tazzine di caffè forte
1 bustina di lievito per dolci
250 gr farina di riso Molino Rossetto
50 gr amido di riso Molino Rossetto

Accendere il forno a 180 gradi

Dividere i tuorli dagli albumi

Montare gli albumi neve ferma

Montare il burro con lo zucchero, unire un tuorlo alla volta,  il caffè. Poi unire la farina,l'amido, le gocce di cioccolato  e il lievito.
Con un cucchiaio di legno unire dal basso verso l'alto gli albumi.
Versare nei pirottini.
Infornare a forno preriscaldato a 175 gradi per circa 20/25 minuti, dipende sempre dalla dimensione degli stampi.
Vale la prova stecchino.

Panini veloci al Kamut



Un'altra ricettina al Kamut e se è veloce ancora meglio!! Di solito questi panini li faccio con la farina autolievitante, stavolta l'ho sostituita con il Kamut e aggiunto il cremortartaro.
Se non si trova il cremortartaro usare il lievito per torte salate.
Nel caso voleste fare qualcos'altro di veloce ci sono sempre le focaccine e i taralli al Kamut!


Ingredienti per 6 panini:
250 gr farina di kamut Molino Rossetto
8,5 gr di cremortartaro
30 gr zucchero ( se si vogliono leggermente più dolci mettere 60 gr )
5 gr sale
160 gr latte.

accendere il forno a 200 gradi

Impastare il tutto e ricavare 6 panini, praticare i tagli e spennellare con latte.
Infornare per circa 20/25 minuti






Post aggiornato: Ciambella allo yogurt




Muffin ricotta e cioccolato






Buona settimana! è da un pò che non sforno dei muffin...e questi sono venuti proprio belli morbidi e cioccolatosi!!

Ingredienti per 17 muffin

3 uova
220 gr zucchero
130 gr burro fuso e freddo
250 gr ricotta
200 gr farina con lievito Molino Rossetto
90 gr amido di frumento
10 cucchiai di latte

2 cucchiai di cioccolato fondente grattugiato e 20 gr di cacao amaro

Sbattere uova e zucchero, poi unire il burro, successivamente la ricotta, poi la farina, l'amido e 5 cucchiai di latte, dividere a metà il composto, e ad una unire  il cioccolato, il cacao e gli altri 5 cucchiai di latte.

Mettere i 2 composti alternati negli stampi. e infornare a 180 gradi per 25 minuti.
Vale la prova stecchino.

Fusilli con pesto alla rucola


Buona domenica!!
Oggi andiamo di primo, molto veloce allo stesso tempo gustoso!!

Ingredienti:

rucola
olio extra vergine d'oliva
mandorle
capperi dissalati
parmigiano grattugiato

Fusilli.

Bollire l'acqua e cuocere la pasta.

Nel frattempo con il mixer ad immersione ho frullato olio, rucola mandorle capperi e parmigiano, se vi sembra troppo asciutto unire anche 1 cucchiaio d'acqua della pasta.

Quando la pasta è pronta, scolarla e in una padella saltare il tutto molto velocemente per permettere alla pasta di insaporirsi.

Bruschetta con pollo e funghetti



Una cena con bruschetta vi va??  E questa si può definire un bel piatto completo!! ^_^


pane per bruschette
1  fettina di petto di pollo
1 wurstel
formaggio leerdamer a fettine
origano
funghetti sott'olio

tagliate il pollo a dadini, infarinarlo e saltarlo in padella con pochissimo olio.
in un'altra padella cuocere il wurstel e tagliarlo a dadini

in una ciotola, mescolare, pollo wurstel e funghetti

Scaldare il pane , mettere il composto preparato, completare con le fette di formaggio e origano, coprire la teglia fino a completo scioglimento del formaggio.

Pizza e pane a lunga lievitazione







Lo spunto per questa ricetta l'ho presa dal blog Profumo di lievito, io ho fatto qualche piccola modifica ma il risultato è stato strepitoso!
In corso di sfornamento dopo la pizza ho fatto anche del pane...magnifico!!!!!!!
Nel suo post è indicato che si può arrivare fino a 2 giorni di lievitazione... quindi alla prossima prova!^_^

Ingredienti:
500 gr farina W330 Molino Rossetto (in alternativa Manitoba del supermercato, senza tagli)
50 gr farina 0 per pizza Molino Rossetto
2,5 gr lievito di birra fresco
10 gr zucchero
400 gr acqua
12 gr sale
1 cucchiaio olio extra vergine d'oliva

Io ho impastato con la macchina del pane ma si può fare anche con l'impastatrice come potete vedere nel suo post.

Ore 19,00

Nella macchina del pane metto lievito, zucchero e acqua, faccio sciogliere il lievito e avvio il programma impasto e unisco metà farina lentamente, do tempo che venga amalgamata con l'acqua.
Proseguo con altra farina e quando il composto diventa una crema unisco l'olio, lascio assorbire e poi termino con la farina e il sale.

Quando è ben amalgamato lo passo in un contenitore da frigo con coperchio, lo lascio a temperatura ambiente per 30 minuti e poi lo metto in frigo chiuso, nella parte meno fredda.

Il giorno dopo alle 15,00 tiro fuori dal frigo l'impasto aspetto 30 minuti e poi faccio una piegatura a 3 e rimetto a lievitare con la chiusura sotto.

Alle 18,30 riprendo l'impasto e senza rimpastarlo stendo le pizze e le cuocio nel fornetto G3 Ferrari.
Conservo un pezzo d'impasto e sempre nel fornetto cucino un panino.

Crackers veloci




Con altra pasta rimasta dalle mini tatin di verza ho fatto  dei crackers e dei torciglioni...inutile dire che non sono rimaste neppure le briciole!!!un ottimo riciclo!!

In alternativa se non volete farvi la pasta e andate di fetta acquistate della pasta brisè.

Per comodità vi metto la ricetta totale:
Ingredienti per la pasta brisè con uovo:
100 gr burro
200 gr farina 0
1 tuorlo
120/130 circa gr acqua fredda
 Impastare farina e burro ottenendo delle briciole, poi unire il tuorlo sbattuto e l'acqua necessaria ad ottenere un impasto abbastanza morbido e ben lavorabile.
Avvolgere con pellicola e passare in frigo almeno 1 ora.
L'ho stesa, tagliata con la rotella dentellata spennellato di tuorlo allungato con acqua e cosparso di semi papavero e pistacchio.

Stendere sottile e cuocere bene!!!
Infornare a 190 gradi per circa 20 minuti
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Questo blog non rappresenta un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse i diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione, verranno insidacabilmente rimossi.
Autorizzo la pubblicazione delle mie foto e ricette a condizione venga sempre inserito un link a questo blog
Copyright © Federica Simoni