Muffin orzo e cacao





Quando ho visto da Rossella i suoi muffin con la farina d'orzo non ci ho  messo molto a replicarli, ho fatto solo qualche piccola variante perchè non avevo esattamente gli stessi ingredienti.
Il gusto che si ottiene è cioccolatoso, con un leggerissimo retrogusto di caffè, che non c'è negli ingredienti!
Ho sostituito il burro con l'olio, la farina 00 con la farina di farro e ho messo lo yogurt greco anzichè yogurt con zucchero d'uva..in ogni caso vi consiglio di visitare la ricetta originale e il suo bellissimo blog!
Si fanno in poco tempo e sono perfetti in qualsiasi momento della giornata! grazie Rossella!!


ingredienti per 21 muffin

100 gr farina d'orzo
200 gr farina di farro
180 gr zucchero
60 gr cacao zuccherato
50 gr gocce di cioccolato
1 bustina di cremortartaro
3 uova
170 gr yogurt greco
100 gr latte
100 gr olio di mais 

In una ciotola mescolare le farine, lo zucchero, il cacao setacciato.

In un'altra ciotola montare le uova con l'olio, lo yogurt e il latte.

Versare i solidi nei liquidi montare brevemente e unire da ultimo il lievito setacciato.

Accendere il forno a 180 gradi

Versare nei pirottini cospargere con le gocce di cioccolato.

Attendere che il forno vada in temperatura e poi infornare per circa 20 minuti, verificando sempre la cottura con uno stecchino

Note:
i tempi di cottura variano ovviamente dalla dimensione degli stampi.


Biscotti rustici alla birra





Continuo ad usare nelle mie ricette la birra, nonostante non mi piaccia,  l'uso negli impasti mi da delle belle soddisfazioni! Dopo i torcetti salati, ho sfornato questi biscotti dall'aspetto rustico ma molto buoni!
 Ho preso spunto da questo sito per la ricetta, e  ho fatto solo qualche piccola modifica come sempre!
Otterrete dei deliziosi biscotti fragranti adatti per colazione o un dopo cena perfetti per l'inzuppo nel caffè!!

Ingredienti

250 gr farina con lievito
60 gr granella di amaretti
80 gr burro morbido
100 gr zucchero di canna
2 tuorli
50 gr birra chiara (Heineken)

Nell'impastatore mettere il burro e lo zucchero e avviare, poi unire i 2 tuorli, di seguito la farina e la granella di amaretto.
Poi versare lentamente la birra fino ad ottenere un composto omogeneo, avvolgere con pellicola e porre in frigo almeno 30 minuti.

Riprendere l'impasto e con una parte ricavare dei bastoncini del peso di 18 grammi, disporli nella placca foderata di carta forno.
Porre le placche in frigo per 1 ora.

Accendere il forno a 180 gradi e quando è in temperatura infornare per circa 20 minuti.

Panino imbottito extra morbido





Durante questo periodo caldo, mi dedico più al pane preparato con la macchina del pane, molto più comodo per bruschette, polpette, ecc..
Così prima di arrivare a questi panini, avevo fatto un pane con la farina di farro cotto nella macchina del pane aggiungendo un cucchiaio di maionese, (usato in queste polpettine), visto che il risultato mi è piaciuto moltissimo ho pensato di rivedere questo pane alla maionese,  fatto un pò di tempo fa ma apportando delle varianti, e devo dire che ho ottenuto del pane morbidissimo!!!

ingredienti per 6 panini da circa 180 grammi l'uno

600 gr farina 0
30 gr zucchero
18 gr lievito di birra fresco
85 gr acqua
14 gr sale
4 cucchiai olio di mais
70 gr maionese a temperatura ambiente
210 gr latte

Lievitino.
nella macchina del pane metto 100 gr di farina, lo zucchero il lievito e l'acqua, avvio per qualche minuto, poi spengo, copro con panno umido e lascio lievitare 45 minuti

Riavvio il programma solo impasto e lievitazione, inizio ad unire la farina alternata al latte e alla maionese, dopo 3 minuti unisco l'olio e il sale.

Dosare lentamente il latte per vedere quanto ne assorbe la farina.

Coprire con panno umido e lasciare lievitare  per 2 ore.

Riprendere l'impasto ricavare i pani, apporre i tagli sopra con un coltello affilato, spennellare di latte.
Mettere a lievitare nuovamente per altri 45 minuti circa.

Infornare a 200 gradi per 25 minuti.

Qui il panino è stato farcito con porchetta, passata di pomodoro, insalatina e emmentaler.

Nota:
io ho usato la maionese classica calvè, in vasetto.


Polpettine di mortadella







                                     Cucchiaini monoporzione in Bamboo, e forchettine finger food 
                                                                                     L'Angolo dei Desideri


In frigo avevo della mortadella da finire e così sono venute fuori queste polpettine, e vi dirò di più le ho fritte con una pastella che le ha lasciate asciutte e perfette anche il giorno dopo!!
Attenzione però perchè creano dipendenza!
Se poi vi piacciono nel blog trovate anche un'altra versione di polpettine sempre con la mortadella.


ingredienti per circa 30 polpettine

Polpettine:
140 gr mortadella
100 gr mollica di pane al farro*
150 gr di latte
30 gr parmigiano

farina

Per la pastella:
2 albumi
150 gr farina 0
30 ml olio extra vergine d'oliva
125 ml acqua

per friggere
olio di semi di arachide

Mettere in una ciotola la mollica di pane e bagnarla con il latte, fare riposare 10 minuti
Grattugiare il parmigiano
Tritare finemente con un robot la mortadella.
In una ciotola mettere la mortadella, il parmigiano e il pane ben strizzato.

Amalgamare bene e fare delle polpettine del peso di 10 al massimo 12 grammi l'una, passarle nella farina e metterle in un piatto, coprirle con pellicola e metterle in frigo.

Pastella:
in una ciotola setacciare la farina, diluirla con l'acqua versata a filo e incorporata con una frusta a mano.
Unire anche l'olio sempre a filo continuando a mescolare.
Coprire con pellicola e lasciare riposare a temperatura ambiente per 30 minuti.

Trascorso questo tempo mettere a scaldare l'olio a 180 gradi

Montare i 2 albumi e unirli delicatamente in più riprese dal basso verso l'alto alla pastella.

Riprendere le polpettine, immergerle poche per volta nella pastella , rivestendole, raccoglierle con una forchetta e tuffarle nell'olio profondo.

Friggere poche polpettine alla volta voltandole spesso perchè si dorino bene da tutte le parti.
Scolarle su carta assorbente.

Consigli:
le polpettine le ho preparate al mattino e poste in frigo fino alla sera. la pastella l'ho preparata alla sera.
Non ho messo sale, ed erano perfette così!!
la mortadella può essere sostituita da avanzi di arrosto o lesso
il parmigiano può essere sostituito da pecorino, grana, emmental, Asiago.

* il pane che ho usato lo faccio io...ma ve ne parlerò in un altro post!


Bruschetta con funghi e prosciutto crudo






Le  bruschette in questo periodo caldo vanno per la maggiore, non richiedono molto tempo e risolvono la cena!!!buon week end!

ingredienti:

2 fette di pane per bruschette
200 gr di funghi chiodini
prezzemolo
6 fettine di prosciutto crudo
parmigiano a scaglie


Preparare i funghi:
Pulirli e saltarli in padella con poco burro e scalogno, quando sono pronti unire il prezzemolo tritato

Disporre il composto di funghi sopra al pane e metterlo a scaldare, quando sono pronte completare con le fette di prosciutto e le scaglie di parmigiano

Torcetti salati alla birra












Era da tempo che pensavo di fare questi torcetti dolci in versione salata, così ho ripreso la ricetta e modificata per ottenere dei torcetti salati.
Con la stessa ricetta ne ho fatti una parte semplici e una parte passandoli nei semi di sesamo per vedere  qual'era il risultato migliore. Sono buonissimi in entrambe le versioni a voi la scelta di farli con o senza semi!
Non ho aggiunto sale perchè il formaggio è già molto saporito.
C'è solo un problema: spariscono in fretta!!^_^

ingredienti per 25 pezzi

250 gr farina 00
125 gr burro morbido
60+10 gr di birra chiara (Heineken)
50 gr groviera grattugiato
rosmarino tritato
semi di sesamo per decorare


Nell'impastatore mettere farina e burro, avviare e unire il groviera e il rosmarino, successivamente unire i 60 gr di birra e solo se necessario unire gli altri 10 gr.
Avvolgere con pellicola e porre in frigo per almeno 30 minuti.

Poi riprendo il composto prelevo pezzetti da 20 grammi, li stendo e li unisco alle estremità, alcuni li passo nei semi di sesamo.

Ho riposto i torcetti in frigo pronti per essere infornati un'ora e mezza.

Accendere il forno a 180 gradi, quando è in temperatura riprendo la placca con i torcetti li spruzzo d'acqua e li inforno, dopo 25 minuti li spruzzo ancora e li reinforno per altri 10 minuti circa.
Con questa dose ho fatto un'infornata.

Nota
i passaggi in frigo sono stati necessari visto il grande caldo.


Grazie a Leena Sacco del blog Kiosko di frutti di bosco per aver provato la ricetta.


Tartellette dolci
















Queste tartellette sono le preferite di mia figlia... pasta sfoglia con alla base del wafer sbriciolato e ricoperto di crema pasticcera e la giornata inizia alla grande!!

Ingredienti
1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
Crema pasticcera
wafer al cioccolato

Per lucidare:
1 tuorlo d'uovo sbattuto con 1 cucchiaio d'acqua.

crema pasticcera:
1 uovo intero
200 gr panna fresca o latte
30 gr amido di frumento
60 gr zucchero

Sbattere uovo, zucchero e amido, unire il latte caldo o la panna e portare a densità, fare intiepidire in una ciotola coperta con pellicola.

Accendere il forno a 200 gradi.

Sbriciolare i wafer al cioccolato

Rivestire 6 stampini con la pasta sfoglia.

Mettere alla base i wafer sbriciolati. coprire con la crema pasticcera e completare con la losanghe di pasta sfoglia ritagliate con l'apposito attrezzino.

Lucidare con il tuorlo e infornare per circa 20/25 minuti.

Nota:
la cottura varia sempre in base alla dimensione delle tartellette
A piacere alla crema una volta tiepida si può unire 170 gr di yogurt greco.

Alcuni hanno difficoltà ad usare questo rullo, io faccio così:
metto un pò di farina in un tagliere, faccio rotolare sopra l'aggeggio e poi parto decisa e premendo sulla pasta sfoglia, se si vede  che la pasta si attacca non staccarlo ma con uno stecchino la si stacca piano e si va fino alla fine della pasta.
poi mi taglio un pezzettino, la apro e copro le tartellette.


Bigoli con pomodorini gratinati









Oggi un primo piatto leggero che può essere benissimo un piatto unico! poi si può sempre completare con un gelato allo yogurt e frutta!!





ingredienti:
200 gr di Bigoli
pomodori piccadylli
origano
olio
pangrattato
capperi dissalati
mozzarella a dadini

Per prima cosa accendere il forno a 200 gradi.

Foderare una teglia diametro 20 con carta forno bagnata e strizzata.

Tagliare i pomodori a metà e pulirli dai semi, metterli con la parte tagliata verso l'alto, coprire la base della teglia con tutti i pomodori, cospargere di pangrattato, un filo d'olio, capperi dissalati e origano.
Infornare per 25 minuti.

Nel frattempo cuocere i bigoli  per 15 minuti.

Quando vedete che i pomodori sono teneri, tirarli fuori passarli in una wok, scolare la pasta e unire anche questa completare con un filo d'olio a crudo mescolare bene il tutto, impiattare e terminare con dadini di mozzarella.














Torta gelato per compleanno Giacomo








Buondì e buona settimana! Riparto con questa torta gelato fatta per il compleanno di mio nipote Giacomo, fatta sempre assieme a mia cognata Gloria.
Dopo l'antipasto salato, abbiamo anche pensato al dolce semplice e goloso!
Con l'occasione voglio anche ringraziare tutti per i commenti che avete lasciato al post precedente, e mi raccomando fate un giretto nel blog di Gloria che assieme all'altra sorella Chiara creano delle cose meravigliose, anche attraverso l'arte del riciclo!

Torta gelato:
stampo rettangolare 36 x 24
Pan di spagna
8 uova
400 gr zucchero Zefiro extrafine
400 gr farina con lievito Lo conte

Accendere il forno a 170 gradi.

Iniziare a montare le uova e unire gradatamente lo zucchero, quando il composto è triplicato unire la farina sempre gradatamente e montare.
Importante: quando si inizia a montare per un verso non si deve cambiare per nessun motivo, pena lo sgonfiamento del composto.
Versare nello stampo foderato di carta e infornare per circa 25 minuti (fare sempre la prova stecchino)


Torta gelato su stampo usa e getta 30 x 24
Pan di spagna
6 uova
300 gr zucchero
300 gr farina con lievito

Procedimento identico al precedente.

Quando faccio il pan di spagna mi regolo così:
per ogni uovo calcolo 50 gr di zucchero, 50 gr di farina

Una volta fredde, taglio prima la parte superiore in modo da pareggiare la torta.

Poi taglio a metà, farcisco di gelato e copro.

Ho fatto il gelato al cioccolato, e precisamente ho fatto 4 dosi della ricetta indicata.

1 dose e mezza per la teglia 30x24
2 dosi e mezza per la teglia 36x24

prima di servire spatolare tutta la torta di un velo di panna montata, nel bordo mettere le lingue di gatto.

Completato con il numero 4 in pasta di zucchero che ha fatto mia cognata.
Con i ritagli del pan di spagna l'ho colorato con il blu liquido per ottenere il verde e fare l'erba


Torta salata per compleanno













Questa ricetta nasce dai discorsi fatti in piscina con mia cognata Gloria, la quale per il compleanno di mio nipote mi chiede di fare un dolcetto...
Ecco siamo partite con il dolcetto per finire nel fare una torta salata da servire a sorpresa all'inizio della cena facendo credere che si inizi con il dolce!
Il dolce di  fine serata...una semplice torta farcita di gelato al cioccolato..così accontentiamo tutti!!^_^
 ma di questo ve ne parlerò in un altro post!!
Così abbiamo fatto i dolci a 4 mani.. e naturalmente non poteva mancare mio marito a fare le foto passo passo!!
Vi invito a visitare il blog delle mie cognate, sono bravissime!!!

Torta salata stampo diametro 28

750 gr farina 0 per pane Molino Rossetto
5 bustine di nero di seppia (4 gr cadauna)
20 gr latte in polvere scremato
55 gr lievito madre secco
4 cucchiai olio di mais
485 gr latte
16 gr sale
30 gr zucchero

farcia:
300 gr di robiola
400 gr salmone affumicato
prezzemolo
latte q.b.

per rivestire
250 gr philadelphia
latte q.b

per la copertura
sfoglia bianca *300 gr farina 00+ 190 gr latte
sfoglia rossa  *300 gr farina 00+triplo concentrato di pomodoro+un colorante alimentare rosso in gel+acqua
sfoglia nera  150 gr farina 00 + 2 bustine di nero di seppia+acqua+ una punta di colorante nero in gel

impastare e stendere le sfoglie con la macchinetta ad uno spessore fino al numero 4, larghe 9

lessarle in acqua salata e tagliarle strisce da 3 cm

*La pasta che si ottiene è parecchia si può ridurre a  200gr la farina

Il giorno prima ho fatto il pane, impasto nella macchina del pane, lascio lievitare 2 ore, poi riprendo impasto brevemente e metto nella teglia foderata di carta forno.
Spennello di latte e lascio lievitare ancora per 1 ora.
Inforno a 180 gradi  per 30 minuti poi abbasso a 160 per altri 15, verificare con uno stecchino la cottura.

Il giorno seguente ho tagliato il pane in 3 dischi. eliminando la parte superiore

Ho preparato la farcia frullando con il mixer ad immersione gli ingredienti.

Composto la torta: pane, farcia, pane, farcia, pane.

Ho rivestito di philadelphia precedentemente montata con le fruste e un pò di latte.

Passato in frigo.

Una volta pronte applicare le sfoglie tutto attorno.
Le sfoglie lessate sono appiccicose, perfette per essere attaccate!
La torta è stata ricoperta con le strisce alternate, alla fine il cerchio nero per la rotonda e completato con le macchinine di plastica.







Peperoni ripieni di pasta










Quando ho visto dal fruttivendolo questi piccoli peperoni non ci ho pensato un attimo e li ho presi subito con l'idea di farli ripieni...e poi così ho risolto anche il pranzo di mio marito al lavoro!!
Buon week end!

ingredienti
12 piccoli peperoni colorati
150 gr tonno sottolio
sugo di pomodoro
piselli freschi
180 gr di pasta tipo ditalini rigati
prezzemolo
formaggio Verena o Asiago
olio scalogno

Pulire i peperoni dai semi e metterli in una pirofila con un pò d'acqua sul fondo, senza il loro coperchio e passarli  in forno a 180 gradi per 10 minuti.

Tagliare il formaggio a dadini, tritare il prezzemolo

In una wok fare un soffritto con olio e scalogno, unire i piselli bagnarli con poco brodo vegetale e portare a cottura, quando sono pronti unire il sugo e il tonno sbriciolato.

Cuocere la pasta e unirla al composto precedente, spolverare con il prezzemolo tritato.

Mettere il composto di pasta dentro ai peperoni alternando dei dadini di formaggio.

Coprire i peperoni con il loro coperchio, mettere sempre dell'acqua nella pirofila, coprirli con carta argentata e infornare per circa 25 minuti.


Gelato cremoso al pistacchio





Un gelatino cremoso al pistacchio ci sta proprio bene...e poi cioccolato bianco e pistacchio sono un matrimonio perfetto!!!!!!!


ingredienti:

150 gr latte
150 gr zucchero
100 gr di ciocco crema al pistacchio di Sicilia*
250 gr panna fresca

* Tavoletta di cioccolato bianco e crema di pistacchio

Mettere in un pentolino latte, zucchero e tavoletta, sciogliere su fuoco dolce.
Mettere da parte e fare raffreddare qualche ora in frigo.
Quando il composto è freddo unire la panna senza montarla, passare in gelatiera per il tempo necessario.



Pasta con calamaretti, crudo e rucola






Con questo caldo non è che si ha tanta voglia di fare piatti elaborati, anzi veloci e sopratutto piatti unici..come questo.
Un piatto molto semplice e leggero... e molto gradito!

ingredienti:

250 gr di spaghettoni
8 calamaretti
prosciutto crudo a listarelle
rucola
olio extra vergine d'oliva


Pulire i calamari e tagliarli a rondelle.

Mettere a bollire l'acqua e cuocere gli spaghetti.

Nel frattempo in una wok metto un filo d'olio e salto i calamaretti, unisco qualche cucchiaio d'acqua della pasta e quando sono pronti, dopo circa 10 minuti unisco il prosciutto e spengo il fuoco.

Scolare la pasta e saltarla nel condimento, impiattare completando con la rucola.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Questo blog non rappresenta un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse i diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione, verranno insidacabilmente rimossi.
Autorizzo la pubblicazione delle mie foto e ricette a condizione venga sempre inserito un link a questo blog
Copyright © Federica Simoni