Focaccine con farina di ceci




Non ho mai usato la farina di ceci e dopo aver provato delle focaccine con il lievito per torte salate che proprio non ci sono piaciute, stavo pensando di non usare più questa farina... poi mi sono ricordata che su un mio libro di ricette che tratta solo pani particolari ci sono varie ricette con farine senza glutine che prima di essere usate vengono messe a bagno per 12 ore,  questo passaggio migliora il risultato finale rendendo i lievitati meno pesanti, più morbidi e anche in fase di lavorazione si riesce a lavorare meglio l'impasto.
Mi sono anche confrontata con   Federica  , bravissima con i lievitati,  la quale mi ha confermato anche lei che questo tipo di passaggio lo fa con altre farine e che si trova bene!! 

Nell'impasto ho usato anche un nuovo prodotto, il lievito madre attivo con germe di grano  dell'azienda Ruggeri, un lievito con le caratteristiche organolettiche del lievito madre con l'aggiunta del germe di grano.

Per maggiori info vedere questo mio post:

"il premescolamento di farina con acqua molto calda e successiva lunga sosta è un processo che serve ad indurre delle modificazioni fisiche ai granuli di amido che si idratano, perdono parte della loro struttura cristallina e si trasformano in gel."
E' un processo che  spesso viene applicato a farine senza glutine che si aggiungono al pane, ad esempio la farina di mais.

Ingredienti per 8 focaccine da circa 110 gr

Sera ore 20
100 gr farina di ceci
150 gr di acqua a 50 gradi
Bagnare la farina con l'acqua mescolare bene e lentamente per evitare grumi, coprire con panno e lasciare a t.a. per 12 ore.

Al mattino preparare un lievitino con:
30 gr lievito madre essiccato Ruggeri
100 gr farina 0
125 gr latte
Impastare e coprire con panno umido e lasciare lievitare fino al doppio.
Io lo faccio direttamente nella macchina del pane.

Quando il lievitino è pronto unire:
il composto di farina di farina di ceci
300 gr farina 0
12 gr sale
3 cucchiai di olio e.v.o
50 gr acqua.

Dosare lentamente l'acqua potrebbe servirne meno.

Poi coprire con panno umido e lasciare lievitare fino al doppio, per me circa 2 ore.

Poi riprendere e dividere in 8 pezzi, stendere delicatamente con il mattarello, spennellare le focaccine con un'emulsione di olio e acqua, e con il manico di un mestolo fare le fossette.

Porre a lievitare ancora 30 minuti.

Nel frattempo accendere il forno a 200 gradi.

Prima d'infornare ripraticare i fori con il manico, e infornare per circa 25/30 minuti.

Nota:
se non avete il lievito madre secco, fare il lievitino con 15 gr di lievito di birra fresco

Focaccine con patate e olive





Lo spunto per queste morbidissime focaccine l'ho preso da Manuela,  mi raccomando   in base alle farine usate dosate sempre lentamente i liquidi e date tempo che vengano assorbiti.
Detto questo mettete le mani in pasta e sfornerete delle morbidissime focaccine!

ingredienti per 13 focaccine da circa 75 gr

lievitino:
8 gr lievito di birra fresco
15 gr zucchero
100 gr farina 0
130 gr acqua tiepida
amalgamare con una spatola, coprire e porre a lievitare per circa 1 ora e mezza.
questa operazione la faccio direttamente nella macchina del pane spenta, perchè poi farò la l'impasto

Ingredienti impasto
Lievitino
350 gr farina 0
130 gr patata lessa fredda schiacciata (peso netto)
12 gr sale
100 gr semola rimacinata di grano duro
35 gr strutto
120 gr acqua

Olive verdi denocciolate

Impasto e lievitazione nella macchina del pane:

Al lievitino unire la semola  e la patata, avviare lentamente unire lo strutto in più volte alternando la farina 0, a questo punto unire poca acqua, successivamente il sale e il resto della farina.
Dosare lentamente l'acqua potrebbe non servire tutta, perchè dipende sempre da che farina si usa.
Quindi non avere fretta.
Quando l'impasto è pronto coprire con panno umido e lasciarlo lievitare fino al raddoppio, per me 2 ore.

Riprendere dare delle pieghe di rinforno coprire con panno e lasciare riposare 15 minuti.

Poi dividere in palline e stenderle con le mani.

mettere le olive a rondelle, spennellare bene con un emulsione di olio e acqua.

Accendere il forno a 180 gradi e appena raggiunge la temperatura infornare.

Prima d'infornare con l'indice premere dolcemente più in fondo le olive e se non le fate con le olive premere sempre dolcemente per fare le fossette.

Dopo circa 20 minuti sono cotte (Ma dipende sempre dal forno) tirarle fuori, passarle su una griglia e spennellarle di nuovo con l'emulsione.

Nota: la semola può essere sostituita da altra farina 0, o manitoba o 00, kamut, farro...si dovrà fare attenzione a bilanciare i liquidi.

Grazie a Claudia del blog My Ricettarium per averle provate, qui trovate il suo bellissimo post!

Sbrisolona all'ananas




Quest'anno l'influenza è bella tosta.. almeno per quello che ci riguarda.. ha colpito prima mia figlia poi mio marito e io a ruota... mah oggi ci tocca andare dal medico altrimenti non ne usciamo più!

La ricetta di oggi l'ho presa da " Dolci Rustici" sempre  uno di quei libretti che ho acquistato assieme alla rivista Più Dolci... le ricette sono perfette e riescono sempre!
Si tratta di una sbrisolona un po diversa che si sbriciola solo a guardarla,  ma vi assicuro che piacerà moltissimo!

Ingredienti per una teglia 28 x 22

240 gr farina con lievito (Molino Rossetto)
160 gr farina di mais fioretto
2 tuorli
200 gr zucchero
200 gr burro
un pizzico di sale

decorazione:
400 gr ananas fresco (peso netto)
4 cucchiai di maraschino
20 gr mandorle a lamelle
30 gr granella di pistacchio naturale
70 gr amaretti sbriciolati
40 gr granella di nocciole

Impastare gli ingredienti per la frolla, mescolando le farine, e al centro versare i tuorli, il burro freddo a pezzettini, lo zucchero e il sale, a me è servito anche 1 cucchiaio d'acqua.
Avvolgere con pellicola e porre in frigo almeno 30 minuti

Tagliare l'ananas a pezzettini e bagnarlo con il maraschino.

In un'altra ciotola mescolare mandorle, pistacchio, nocciole e amaretti.

Accendere il forno a 175 gradi

Imburrare la teglia e mettere la carta forno.

Riprendere la frolla, e con la grattugia a fori larghi grattugiarne metà sul fondo dello stampo cercando di distribuirla in modo omogeneo senza pressare con le mani.

Sgocciolare bene l'ananas e distribuirne metà sulla pasta, mettere anche metà composto di frutta secca.

Ricoprire con la restante frolla sempre grattugiata, l'ananas sempre ben asciugato  e la frutta secca.

Infornare per almeno 50 minuti.

Nota:
va bene anche una teglia 30 x 20
la frutta secca si può gestire a proprio gusto...un altro esempio può essere 100 gr pinoli, 40 gr pistacchi, 40 gr nocciole

Biscottini ai pinoli






Semplici biscottini arricchiti dai pinoli. Quando li preparo spariscono sempre in velocità!!

240 gr farina 00
12 gr lievito per dolci
120 gr zucchero
10 gr zucchero vanigliato (1 bustina)
140 gr burro morbido
1 uovo
100 gr pinoli

Impastare velocemente tutti gli ingredienti, formare delle palline, disporle in 2 placche da forno rivestite di carta e metterle in frigo finchè il forno non raggiunge i 180 gradi.

Infornare per circa 18 minuti.

Nota: secondo me con lo zucchero a velo vengono più buoni! ^_^

Grazie a Anna del blog Annaferna mordi e fuggi per averli provati con le nocciole, qui il suo post!

Ciambella con crema al limone





Una torta particolare che racchiude una crema.... una vera delizia...una fetta non vi basterà!!

ingredienti:

Crema al limone:
250 gr panna fresca
250 gr latte
buccia di 1 limone bio e succo pari a 65 gr
140 gr zucchero
30 gr farina 00
30 gr amido di frumento
2 uova intere

Sciogliere il burro* a bagno maria e mettere da parte

Scaldare panna e latte.
In una casseruola sbattere uova, zucchero, farina e amido, poi unire il succo dell'agrume.
Porre su fuoco dolce e unire il composto caldo, portare a densità. Versare in una ciotola,unire la buccia coprire con pellicola., facendo qualche buchetto perchè esca il vapore

Accendere il forno a 180 gradi

Imburro lo stampo in silicone.

350 gr farina con lievito Lo Conte
200 gr zucchero
100 gr burro fuso*
3 uova intere del peso di 160 gr senza guscio , se sono piccole usarne 4
buccia di 1 limone

Sbattere le uova con lo zucchero e la buccia, unire la farina e poi il burro. Otterrete un impasto sodo, non aggiungete liquidi!

Mettere circa 3/4 di composto nella teglia e cercare di spalmarlo bene formando un corridoio , versare la crema  e coprire con il restante impasto.

Infornare a 180 gradi forno già caldo per circa 35 minuti.

Nota:
il mio stampo è diametro 25, non andate oltre questa misura.
Non preparate le crema il giorno prima per fare la torta il giorno dopo,  la torta non viene bene.
Non aggiungete liquidi all'impasto altrimenti a fine cottura la torta si abbassa.
Se non avete la farina con lievito usare farina 00 + 1 bustina di lievito per dolci.
Nella  crema al posto del limone si può usare l'arancia, oppure fare una semplice crema pasticcera

Panini alla birra




Ultimamente la birra è un ingrediente che uso spesso, ieri per le polpette che trovate qui, e oggi per questi panini extra morbidi! Ormai chi mi conosce un pò sa che oltre a piacermi i lievitati mi piace usare ingredienti particolari... è più forte di me!! ^__^

ingredienti per 9 panini

300 gr manitoba
50 farina orzo
17 lievito di birra fresco
12 zucchero
10 gr latte in polvere
50 gr farina kamut
10 gr germe di grano tostato
100 gr farina 0 per pane
160 gr birra Heineken
12 gr sale
30 gr burro morbido
100 gr acqua

Tutti gli ingredienti devono essere a temperatura ambiente.

Nella macchina del pane con programma impasto e lievitazione mettere tutte le farina, lievito e zucchero avviare e unire la birra dare tempo che venga assorbita e unire il burro a piccoli pezzettini, poi il sale e da ultima l'acqua necessaria a rendere il composto omogeneo.
Spennellare di olio e.v.o. e coprire con panno umido.
Lasciare lievitare fino al doppio ( x me 2 ore)
Poi riprendere e formare i panini.
Spennellare di olio e acqua in parti uguali e porre a lievitare ancora 1 ora.
Infornare a 200 gradi per 20/25 minuti, ognuno si regoli con il proprio forno.

Nota:
il latte in polvere è facoltativo.
farina di kamut, orzo, germe, latte in polvere sono prodotti che prendo al Molino Rossetto.

Che ruolo ha la birra?

La birra  in generale,  ha una grande affinità con le farine scure e pesanti (segale, orzo...)
Gli zuccheri aggiunti stimolano il lievito, fornendo una maggiore quantità di nutrimento, quindi favorendo la lievitazione donando morbidezza al prodotto finito  e in base al tipo di birra + o - aromatica anche gusto e profumo


Cuori al cacao






Semplici cuori dolci da proporre oggi che è San Valentino...ma anche in altre occasioni..in fondo non ci si ama un solo giorno all'anno ^_^.... per realizzare questi semplici dolcetti ho preso spunto da qui, ho apportato qualche piccola modifica come sempre ... non richiedono molto tempo e si possono preparare in anticipo.

Ingredienti per 7 composizioni

85 gr di farina con lievito Lo conte
60 gr burro
15 gr cacao amaro
120 gr zucchero
4 uova

per farcire:
200 ml di panna già zuccherata
1 bustina di nescefè Caffè Nocciola

Setacciare la farina con il cacao e mettere da parte

Sciogliere a bagno maria il burro e lasciarlo raffreddare.

Montare gli albumi con 2 cucchiaini di zucchero.

In un'altra ciotola montare i tuorli con 4 cucchiai d'acqua bollente, unire gradatamente lo zucchero rimasto e quando sono gonfi e spumosi unire il burro.

Con un mestolo unire delicatamente le farine e gli albumi montati con movimenti dal basso verso l'alto.

Versare in una teglia 25x35 e livellare bene

Infornare a forno preriscaldato a 180 gradi per 12 minuti, verificando con uno stecchino.

Quando la torta è fredda ricavare i cuori con uno stampino da 8 cm, a questo punto mi sembravano comunque spessi i cuori e così con un coltellino li ho tagliati ulteriormente. L'ultimo cuore che compone la torta l'ho inciso con un cuoricino più piccolo

Montare la panna e quando è bella densa unire il caffè solubile, poi  passarla in una sac a poch.

Assemblate i tortini intervallandoli con la panna. Mettete per ultimo quello forato, riempite il buchetto di crema e chiudete con i cuoricini tagliati. Si conservano in frigo.

Nota:
io ho usato una teglia apribile 25 x 34
se non avete la farina con lievito usare farina 00 + 1/2 bustina di lievito per dolci
in alternativa alla panna già zuccherata usare panna fresca da montare, ricordarsi di zuccherarla.

Gnocchi multicolore





Per questa ultima giornata di carnevale molto fredda ho pensato ha un bel piatto di gnocchi colorati... perchè si mangia prima con  gli occhi e se un piatto è bello e colorato invoglia di più!
Naturalmente ho anche fritto ancora un cosetta...ma salata! Delle palline allo stracchino che trovate nell'altro mio blog! Vi aspetto anche là!! ^_^

ingredienti per 4 persone

680 gr di patate peso da pulite e cotte
190 gr farina 0
1 tuorlo

100 gr di spinaci
50 gr barbabietola rossa

Per prima cosa ho lessato le patate a vapore, schiacciate e messe da parte.
Questo l'ho fatto 5 ore prima, quindi erano proprio fredde.

Ho pulito, lavato e cotto in una pentola senza niente gli spinaci e poi frullati con il mixer ad immersione. Il peso è riferito da frullati

Per quanto riguarda la barbabietola io la trovo dal fruttivendolo già cotta a vapore, quindi l'ho sbucciata e frullata. In alternativa cuocerla a vapore e poi frullarla.

Impasto degli gnocchi:
in una ciotola ho messo le patate schiacciate, ho unito la farina poco per volta e il tuorlo.

Una volta impastato bene ho diviso in 3 parti.

Una l'ho lasciata così e ho unito 1 cucchiaio di albume e reimpastato.

Un'altra ho unito gli spinaci e ho usato circa un  cucchiaio di farina.

Un'altra ho unito la barbabietola e anche qui mi sono aiutata con pochissima farina.

Sono passata a formare gli gnocchi, facendo dei filoncini sottili, tagliati e passati nel rigagnocchi.
Tuffarli in acqua salata e appena vengono a galla scolarli e saltarli in padella dove è stato fatto sciogliere del burro con della salvia

Impiattare e spolverare di parmigiano grattugiato

Nota:
per colorarli di rosso un'alternativa può essere il concentrato di pomodoro da unire un pò per volta fino ad ottenere il colore.

Crostata con mele e panna acida






Era da un pò che non facevo una crostata... sfogliando le mie riviste a disposizione ho trovato che  questa con le mele era perfetta da fare! ^_^

ingredienti per uno stampo 29 x 21 con fondo amovibile

Frolla:
300 gr farina 00
50 gr farina di mandorle
160 gr burro
2 tuorli
100 gr zucchero a velo
3 cucchiai d'acqua fredda

Impastare velocemente e rivestire lo stampo, fondo e bordi.
Dalla frolla rimasta ricavare già anche le strisce per decorare, e visto che ne era rimasta ancora un pò ho fatto delle palline da 8 gr per poi cuocere dei biscottini
Porre tutto in frigo.

Accendere il forno a 170 gradi

Farcia:
1 mela da 300 gr
succo d'arancia

100 gr zucchero
170 gr panna acida
70 gr latte
30 gr farina 00
2 tuorli
buccia d'arancia

Pulire la mela tagliarla a fettine e irrorarla di succo d'arancia

In una ciotola sbattere la panna acida con lo zucchero, unire i tuorli, il latte, la farina e da ultima la buccia d'arancia.

Riprendere la base di frolla, versare la crema e porre sopra tutte le fettine di mele, completare con le strisce di pasta solo negli angoli e cospargere di zucchero.
Infornare per 30 minuti a 170 gradi, poi abbassare a 160 per altri 15 minuti circa.

Cuocere anche i biscottini  a 170 per 15 minuti.

Nota:
la panna acida può essere sostituita da ricotta, vanno bene anche 200 gr in totale
il latte può essere sostituito da panna fresca
potete anche usare uno stampo 22x22
si avanza un pò di frolla, io ne ho fatto dei biscottini


Fonte: Più Dolci febbraio 2006






Spaghetti alla finta carbonara




Avevo un pezzo di zucca da finire, volevo usarla per un primo piatto e così è uscito questo  che della carbonara non ha niente...l'apparenza inganna! ^_^
Se invece volete una carbonara leggermente rivisitata, la trovate nell'altro mio blog, a questo link.

ingredienti:
250 gr Spaghettoni
una fetta di zucca
guanciale o pancetta
panna da cucina uht
parmigiano
olio, sale scalogno

In una padella rosolare senza niente il guanciale a dadini e mettere da parte.
In un'altra padellina fare un soffritto con olio e scalogno unire la zucca  a dadini,  salare e portare a cottura.
Quando  è morbida frullare con il mixer ad immersione unendo un pò di panna e del parmigiano.
Nel frattempo cuocere la pasta.
Scolare la pasta al dente, saltarla nella padella dove avete cotto la zucca unendo la crema e il guanciale.
Spadellare  e servire.

Frittelle lievitate alla birra







Altro giro di frittelle... oggi è giovedi grasso non possono mancare!! ^_^
Avete presente le frittelle che fanno alle sagre di paese? Ecco il gusto di questa pasta assomiglia moltissimo a quelle!
Noterete che nell'impasto non ci sono ne uova, ne burro ne olio.
Tenete presente che una volta gonfie non vi lasceranno spazio per la farcitura, ma essendo una pasta morbida si riesce a farcirle comunque.
Quindi se non avete voglia di fare la crema potete lasciarle così aromatizzando con della buccia d'arancia. ad esempio, o  unire in fase di preparazione dell'uvetta ammollata in un pò di Rum.

Ingredienti:
350 gr farina 00
150 gr manitoba
20 gr lievito di birra fresco
100 gr zucchero
200 gr birra (Heineken o Bavaria)
230 gr acqua
10 gr sale

Olio d'arachide per friggere
crema pasticcera per farcire

Utensili: ciotola e una frusta.

Per preparare la pastella ci mettete davvero poco tempo!
In una ciotola sbriciolare il lievito, unire lo zucchero e 100 gr di birra, con la frusta girare finché si scioglie bene, iniziare ad unire la farina poca alla volta e girare sempre con frusta in modo da evitare la formazione di grumi, unire parte dell'acqua, farina, birra, farina e da ultimo il sale.
Dovete ottenere una pastella morbida simile a una crema, ne troppo molla ne troppo dura.

Fate attenzione alla quantità di liquidi che andate a mettere, perchè in base al tipo di farina che usate potrebbe assorbire un pò di più o un pò di meno.

Coprire con panno umido e porre in forno tiepido, ma spento, finché raddoppia. Per me 2 ore sono bastate..otterrete un bel blob.

Nel frattempo preparare l'olio e portarlo a 180 gradi.

Per prelevare l'impasto ho usato 2 cucchiai che bagno ogni volta nell'olio prima di prendere la pastella.
Friggere poco frittelle alla volta.

Scolare su carta assorbente e se decidete di mangiarle così passarle nello zucchero semolato altrimenti come ho fatto io una volta pronte le farcisco di crema e le spolvero di zucchero a velo.


Frittelle alla crema





La ricetta di queste frittelle assomiglia a questa già pubblicata, in pratica una pasta bignè fritta e farcita poi di crema pasticcera.
Visto che dovevo friggere ed è una cosa che non amo particolarmente ho fatto dose doppia almeno ne ho fatte un bel pò!! Inutile dirvi che sono sparite...tutte!! ^_^

Ingredienti
125 gr acqua
125 gr latte
60 gr burro
70 gr zucchero
un pizzico di sale
8 gr di lievito per dolci
200 gr di farina 00
5 uova
buccia d'arancia

In una casseruola scalare acqua, latte burro e zucchero appena raggiunge il bollore versare in un colpo solo la farina e girare bene per qualche minuto finchè si stacca dalle pareti.
Passare il tutto in una ciotola lasciare intiepidire e unire un uovo alla volta sbattendo bene con le fruste, unire la buccia d'arancia e quando il composto è bello liscio, omogeneo e cade pesantemente dalle fruste unire da ultimo  il lievito sbattere e mettere da parte.

Scaldare l'olio d'arachide a 180 gradi e friggere poche frittelle alla volta prelevando l'impasto con 2 cucchiaini

Quando sono gonfie e dorate scolare su carta assorbente.

 Le ho farcite con tutta questa crema pasticcera:

600 gr di latte
200 gr zucchero
3 uova
100 gr amido di frumento

Sbattere uova, amido e zucchero, unire il latte caldo e portare a densità, a piacere unire buccia d'arancia, passare in una ciotola e coprire con pellicola a contatto.

Grazie a Fedora del blog Ossigeno per averle provate, qui il suo bellissimo post.

Torta con copertura croccante






Sfogliando i miei libri per prendere spunto per una torta mi sono imbattuta su questa.. solo che poi come al solito stravolgo la ricetta!
Una bella torta morbida, golosa  e un po scrocchiarella per la merenda! che ne dite vi gusta?? ^_^

Ingredienti per uno stampo rettangolare a cerniera 23 x 35

270 gr farina con amido di frumento
110 gr farina 00
1 bustina di cremortartaro
180 gr burro leggermente salato morbido
200 gr ricotta
300 gr zucchero
3 uova
110 gr di panna fresca
180 gr di latte

Copertura
100 gr di gocce di cioccolato
100 gr zucchero di canna
75 gr farina 00
50 gr burro

Tirare fuori dal frigo qualche ora prima il burro la ricotta, la panna e il latte, in modo che siano alla stessa temperatura quando si andranno ad usare.

Accendere il forno a 180 gradi, foderare la teglia con carta forno.

Montare il burro con lo zucchero finchè si ottiene una crema, poi unire un uovo  alla volta e montare.
Dopo che le uova sono state assorbite unire la ricotta.

A questo punto unire alternando le farine con la  panna e il latte e da ultimo il cremortartaro.

Versare il composto nella teglia.

In una ciotola preparare la copertura mescolando la farina con lo zucchero e il burro, fino ad ottenere un composto sbriciolato, unire anche le gocce e distribuire questo composto sopra all'impasto.

Infornare per circa 45 minuti, verificando la cottura con uno stecchino.

Note:
si può usare tutta farina 00, e burro normale.
la panna può essere sostituita da tutto latte
Il cremortartaro può essere sostituito da lievito per dolci
Alla copertura si possono aggiungere a piacere noci o nocciole tritate
I tempi di cottura variano in base allo stampo che si usa.









Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Questo blog non rappresenta un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse i diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione, verranno insidacabilmente rimossi.
Autorizzo la pubblicazione delle mie foto e ricette a condizione venga sempre inserito un link a questo blog
Copyright © Federica Simoni