Pane all'olio





variante con farina 0 e Tritordeum






Un'altro pane che adoro fare è questo all'olio, lo trovate nel blog di Paoletta ovviamente 😀
Semplice e buonissimo vale proprio la pena provarlo, io lo sforno spesso lo trovo veramente ottimo.

Fonte ricetta qui

Ingredienti per 10 pagnottine da 90/100g

600 g farina 0  
315 g acqua
35 g olio e.v.o.
7 g sale   
12 g di lievito di birra fresco  (io ne ho usati 14 g)
5 g strutto
1 tuorlo piccolo (o metà di 1 grande)

Io ho usato:
- farina di grano tenero tipo 0 Varvello proteine 12,7
- 12 g di sale
In inverno aumento di poco il lievito.

Vi lascio sia il procedimento originale che il mio

Procedimento eseguito da me nella macchina del pane
Programma impasto e lievitazione

Inserire nel cestello il lievito con 100 g di acqua, farlo sciogliere, unire tutta la farina e avviare la macchina.
Unire 200 g di acqua ad assorbimento unire il sale,  poi il tuorlo successivamente olio e strutto.
Completare con i restanti 15 g di acqua
L'impasto dura 20 minuti.
Lasciare lievitare nella macchina coprendo con un tovagliolo umido.
Per me la lievitazione è stata di un'ora e 45 minuti.

Riprendere l'impasto spezzare e formare.
Disporre nella placca foderata di carta, spennellare con acqua e olio e porre a lievitare nel forno spento. 
Io non copro le forme con panni o pellicola.
Per me 2 ore. (fatti a dicembre con 20° in cucina)

Io ho il forno con funzione vapore, quindi non ho usato il pentolino con l'acqua

Infornare a 190° per 25 minuti, poi togliere e passare su di una griglia, rinfornare a 170° per altri 15 minuti circa.

I tempi di lievitazione sono sempre indicativi!!


§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§
Procedimento ricetta originale
Sciogliere il lievito nell'acqua, nel frattempo mettere la farina in una ciotola capace, poi versarvi piano piano l'acqua con il lievito (in questo modo si assorbe meglio) e iniziare ad impastare o a mano o nell'impastatrice. Aggiungere il sale e, dopo che l'impasto inizia ad incordare, il tuorlo, poi l'olio e lo strutto. Impastare bene per circa 20 minuti e far lievitare  coperto per circa 1 ora e 1/2.
Riprendere l'impasto, sgonfiarlo sulla spianatoia e spezzare in pezzi da 90/100 g circa. Proseguire lavorando il pane con le forme che ci suggerisce la fantasia.
Mettere il pane formato sulle teglie coperte da carta forno e coprire con un panno umido, vaporizzando ogni tanto. Far lievitare 1 ora, pennellare di olio evo e infornare a 220° con un pentolino di acqua messo in forno appena acceso.
Dopo 10/15 minuti, togliere l'acqua e proseguire la cottura a 190° fino a doratura.

Dai commenti del blog e dal gruppo di Paoletta ho salvato questi suggerimenti:

-Potete omettere lo strutto e usare solo l'olio
-l'uovo lega i grassi e lo strutto da friabilità.
-serve una farina 0 comune, può andare bene anche una W260 Garofalo
oppure una Garofalo W350 tagliata con un 25% di Kamut o Tritordeum
§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

Qui invece una mia variante con farina 0 e farina Tritordeum

600 g farina 0  (450 g farina 0 Varvello  + 150 g tritordeum)
315 g acqua   (100 g acqua +220 g latte)
(10 g zucchero)
35 g olio e.v.o.
7 g sale   (12 g sale)
12 g di lievito di birra fresco  (io ne usati 14 g)
5 g strutto
1 tuorlo piccolo (o metà di 1 grande)


Impasto e lievitazione nella Macchina del pane
Lievitino
100 g farina 0
100 g  acqua
14 g lievito
impasto e al raddoppio proseguo come da ricetta unendo il resto degli ingredienti.
Coprire con panno umido e fare raddoppiare. (per me un'ora e mezza)
Poi riprendere  e senza impastare formare le pagnottine.
Spennellare con olio e acqua e porre a lievitare nel forno spento fino al raddoppio (per me un'ora e un quarto)


Infornare a 190° per 20 minuti circa, poi passare il pane sulla griglia rinfornare a 170° per altri 15 minuti circa



12 commenti:

  1. Bravissima devono essere strabuoni, baci e buona serata

    RispondiElimina
  2. Cara Federica, questo pane all'olio è il pane adatto per noi vecchi!!! È molto tenero.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Bellissimi...cosa darei per assaggiarne uno..così, in purezza, per gustarlo pienamente, bravissima Fede! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Quanto è bello fare il pane in casa e quante soddisfazioni.... Brava bravissima

    RispondiElimina
  5. ma che brava sei!!! Il proposito di quest'anno è di imparare meglio a gestire i lievitati....ce la farò mai anch'io?! Chissà....
    Un grande abbraccio <3

    RispondiElimina
  6. Tu sei la maga del pane! Guarda che meraviglia di profumo e morbidezza... Un bacio

    RispondiElimina
  7. Una bella idea preparare un pane cosi a casa

    RispondiElimina
  8. questo pane è bellissimo e da proprio l'idea di morbidezza nel quale affondare la faccia. Brava Fede, ti abbraccio

    RispondiElimina
  9. Ma quanto devono essere buoni questi panini. Oltre che bellini da morire

    RispondiElimina

Ciao, grazie per il tuo commento.
Mi fa piacere ricevere anche le tue critiche!
Non esitare a darmi qualche dritta!
Federica
Commenti anonimi se non firmati verranno rimossi.
Commenti con link attivi e inattivi di qualsiasi genere verranno rimossi
Commenti con pubblicità a contest o altro verranno rimossi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Questo blog non rappresenta un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse i diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione, verranno insidacabilmente rimossi.
Autorizzo la pubblicazione delle mie foto e ricette a condizione venga sempre inserito un link a questo blog
Copyright © Federica Simoni