Pizzoccheri alla valtellinese






Un primo piatto molto particolare, saporito e gustoso, non lo avevo mai fatto e devo dire che siamo rimasti soddisfatti perchè l'abbinamento degli ingredienti è perfetto.

"I pizzoccheri sono un formato di pasta riconosciuto come prodotto agroalimentare tradizionale della Valtellina, originario di Teglio.

Si tratta di una sorta di tagliatelle spesse 2 o 3 mm, larghe 1 cm e lunghe 7 cm ricavate da un impasto preparato con due terzi di farina di grano saraceno, che denota la loro colorazione grigiastra, ed un terzo di farina di frumento.

I pizzoccheri sono il piatto simbolo della cucina tradizionale Valtellinese, conosciuti un po' ovunque e molto apprezzati soprattutto nei mesi freddi.

Il nome "pizzoccheri" sembra derivare dalla radice "pit" o "piz" col significato di pezzetto o ancora dalla parola pinzare col significato di schiacciare, in riferimento alla forma schiacciata della pasta. Altre ipotesi farebbero risalire la parola pizzoccheri dal longobardo bizzo, ovvero boccone, ma questa ipotesi etimologica è piuttosto improbabile."
Fonte qui

Farine Molino Rossetto

Ingredienti per 4 persone

Per i pizzoccheri
300 gr di farina di grano saraceno 
100 gr farina 00 Biologica 
235 gr di acqua
1 pizzico di sale

Per il condimento
6 foglie grandi di verza
4 patate
70 gr burro
100 gr di fontina
parmigiano
salvia

Preparare la pasta:
Impastare le farine con un pizzico di sale e l'acqua necessaria fino a ottenere un impasto consistente.
Lasciare riposare avvolto con pellicola 30 minuti.
Poi riprendere e stendere la pasta, io la passo alla macchinetta (Marcato) fino al numero 3, ma si può stendere anche a mano.
Quindi tagliare delle tagliatelle larghe 1 cm e lunghe 6/7 cm.
Lasciatele riposare su un piano infarinato cospargendole di farina.

Condimento:
Pelare le patate e tagliarle a dadini
Lavare le foglie di verza togliere la costa dura e tagliarle e striscioline.
Mettere a bollire una pentola con acqua salata, mettere le verdure e cuocerle circa 10/12 minuti, (verificate con una forchetta la cottura delle patate) quando le verdure sono pronte tuffare la pasta che cuocerà in pochissimo tempo.

Preparare una pirofila.

Scaldare il burro con la salvia e tagliare la fontina a dadini piccoli

Quando la pasta è cotta, scolate i pizzoccheri con una schiumarola e versatene una parte in una teglia calda, dove avete messo del burro,  cospargete con il parmigiano grattugiato e fontina, e proseguite alternando i pizzoccheri al formaggio e burro.

Io poi ho passato la pirofila in forno per qualche minuto affinchè la fontina si sciogliesse.

31 commenti:

  1. non ho mai provato i Pizzoccheri,ma queste foto fammi venire l'acquolina in bocca....devono essere fantastici :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda Letizia avevo paura che la pasta con il grano saraceno non ci piacesse, invece la combinazione di questi ingredienti è perfetta tanto da fare il bis ^_^

      Elimina
  2. Mangiati una sola volta, esperienza da ripetere, troppo buoni!!

    RispondiElimina
  3. sono tra i miei primi preferiti!!! li adoro .... anche se sono sicula doc e qui sono quasi sconosciuti,ma da quando li ho provati,non li ho più lasciati :D
    un anbbraccio
    a prestooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma dai davvero? infatti devo ammettere che sono proprio buoni!!! ^_^

      Elimina
  4. che deliziaaaaaaaaaaaa!!!! anche se non fanno parte della mia tradizione gastronomica, sono meravigliosi e voglio provarli!!!

    RispondiElimina
  5. che goduriaaaaaaaaaaa!!! li devo proprio fare per il fine settima... complimenti tesorooooooooo!!

    RispondiElimina
  6. Cara Federica, ho avuto occasione di gustarli a una festa del Valtellinesi qui a Zurigo.
    Posso dire che sono buonissimi, solo che li trovo un po pesanti per la cena!!!
    Ciao e buon pomeriggio cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  7. quanto mi piacciono, pensa che anch'io oggi volevo postare i pizzoccheri, poi all'ultimo ho cambiato!!!!!sono un piatto strepitoso!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^__^ bene dai allora passerò a gustarmi i tuoi appena li pubblichi!

      Elimina
  8. Che buoni che sono!!!!!! voglio provare a farli anche io al più presto! smack

    RispondiElimina
  9. Ciao Federica! questo è un piatto che amiamo molto e lo prepariamo spesso in inverno, anche se ammettiamo di non aver mai realizzato da sole la pasta!
    Bravissima, ripassati in forno sembrano ancora più goduriosi!

    RispondiElimina
  10. buoniiii!! anchì'io li ho preparati alla fine dell'inverno...mi portò tutti gli "ingredienti" una mia collega, e menomale se non mi sarei mai decisa a provarli..visto che li adoro...
    ciao Fede buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh proprio meno male mi son decisa pure io!! ^__^ baciiiii

      Elimina
  11. Me gusta el plato, que cosa más buena.

    RispondiElimina
  12. Spero di non farti venire la pelle d'oca, ma non ho mai mangiato i pizzoccheri in vita mia!
    I tuoi hanno un bellissimo aspetto.
    Devo proprio segnarmi l tua ricetta!
    Un abbraccio
    Giudy

    RispondiElimina
  13. buoni i pizzoccheri,io li ho comprati già fatti,tu che sei una grande li hai preparati in casa,brava

    RispondiElimina
  14. Spettacolari!! bravissima Federica :) li voglio provare!!

    RispondiElimina
  15. sono di una bontà unica! bravissima Fede, bacioni

    RispondiElimina
  16. Che buoni i pizzocheri, favolosa la tua ricetta . Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
  17. Mangiati una sola volta a casa di un caro amico

    RispondiElimina
  18. sia la pasta che il condimento, sono una vera bonta'!!brava Fede ;) bacioni ^__^

    RispondiElimina
  19. Un grande classico della cucina bergamasca. La suocera di mio fratello me li prepara sempre quando vado a trovarli :-)
    non proprio leggerissimi ma davvero gustosi e saporiti

    RispondiElimina
  20. Li adoro.....grande ricetta!

    RispondiElimina
  21. Ottimo va bene la fontina ma se trovi il bitto ancora meglio è un piatto che adoro. Grazie e buon inizio settimana.

    RispondiElimina

Ciao, grazie per il tuo commento.
Mi fa piacere ricevere anche le tue critiche!
Non esitare a darmi qualche dritta!
Federica
Commenti anonimi se non firmati verranno rimossi.
Commenti con link attivi e inattivi di qualsiasi genere verranno rimossi
Commenti con pubblicità a contest o altro verranno rimossi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Questo blog non rappresenta un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse i diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione, verranno insidacabilmente rimossi.
Autorizzo la pubblicazione delle mie foto e ricette a condizione venga sempre inserito un link a questo blog
Copyright © Federica Simoni