Torta slava








Questa torta era da tempo in lista da fare e finalmente sono riuscita a sfornarla ^_^
Una torta  facile e molto golosa!! La base è una frolla particolare, quasi sbriciolata che però si compatta facilmente.  Una volta cotta rimane morbida. Poi c'è uno strato di confettura e sopra albume montato zuccherato che si cuoce/caramella rimanendo morbido ma non troppo.
Il nome originale è  Plesniak, in Italia ormai stra-conosciuta con il termine Torta Slava della quale  ci sono infinite variazioni.
Facendo un po' una ricerca nei siti polacchi ho scoperto che  la Plesniak in famiglia viene servita nelle occasioni speciali  ma è anche  “una preparazione casalinga senza pretese”. E’ paragonabile un po' a una pie come può essere la torta di mele per noi. La marmellata nella stragrande maggioranza dei casi è di ciliegia o ribes nero o perlomeno si prediligono queste due ma la prugna rimane in alcune zone tra le più popolari e in voga.



Unica cosa importante che mi sento di dire è di fare attenzione alla cottura, in quanto su 20 ricette lette tutte hanno temperature e tempi abbastanza diversi.
Inoltre molti la posizionano nella parte più bassa del forno... Io con il mio forno nuovo l'ho cotta  a 170 gradi per 30 minuti e l'ho infornata nel secondo ripiano partendo da sotto.

Ma ora via in cucina a provarla perché al di là di tutto è proprio buona!!!

Fonte ricetta qui

Torta slava

Teglia 23x23

ingredienti per la base:
200 g di farina Petra 5, oppure  00
2 tuorli
60 g di zucchero semolato
100 g di burro fuso* leggermente salato, oppure burro classico
4 g cremortartaro, oppure  lievito per dolci

320 g Marmellata d'arancia
2 albumi (quelli avanzati)
70 g di zucchero
2 cucchiaini circa di succo di limone

Zucchero a velo per la superficie 

*ho fuso il burro su fuoco dolce e dopo 30 minuti ho iniziato a fare la torta

Foderare la teglia con carta forno

Mettere nella ciotola la farina setacciata con il lievito, unire lo zucchero e mescolare poi le uova ed il burro sciolto. Avviare la planetaria con  frusta K fino ad ottenere un impasto tra lo sfarinato ed il compatto. Deve essere una cosa abbastanza veloce. 
Io avendo usato la petra 5 ho dovuto unire anche 15 g di acqua

Compattarlo e poi stenderlo subito in teglia, ad uno spessore di 5 mm.

Spalmare la marmellata.
Iniziare a montare gli albumi e successivamente unire piano lo zucchero in più riprese, unire infine anche il limone.
La meringa deve essere soda. Spalmarla quindi su la marmellata, senza stenderla troppo.

Infornate a 170 gradi  per 30 minuti nel secondo ripiano partendo da sotto

Sfornare e fare raffreddare. Tagliare a quadrettini di circa 5 cm e cospargere a piacere di zucchero a velo.

Note
La Torta Slava si conserva chiusa in un contenitore di latta per 3/4 giorni.
Si può  utilizzare la marmellata che si preferisce o la crema di nocciole. 
La base è tipo pasta frolla ma la consistenza è “scioglievole” quindi seguite la ricetta e non sostituitela con la frolla classica.

18 commenti:

  1. Non la conoscevo ma mi sembra buonissima!!

    RispondiElimina
  2. Non l'ho mai sentita.. ma sembra buonissima dagli ingredienti e dalle foto..Un bacione

    RispondiElimina
  3. Mi incuriosisce e la voglio provare. Grande Federica grazie :)

    RispondiElimina
  4. Sai che non conoscevo questo dolce? Deve essere molto buono, è da assaggiare! Un bacione

    RispondiElimina
  5. È anche sulla mia lista delle cose da fare...è molto golosa *_*

    RispondiElimina
  6. Davvero particolare, e devo dire anche molto invitante.Prenderò nota della ricetta e la riprovo sicuramente. Complimenti è davvero stupenda e sicuramente moooooolto Buona! bis bis !! Bacione, buona giornata. :-D

    RispondiElimina
  7. Non conoscevo questo dolce, mi piace moltissimo.
    Bacio

    RispondiElimina
  8. Cara Federica, credo che la bontà di questa torta slava, è sicuramente molto buona, un pezzo lo mangerei subito.
    Ciao e buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  9. Mai assaggiata questa torta ma ha un aspetto troppo goloso :-P urge rimediare :-P

    RispondiElimina
  10. Me ha encantado. Esta la copio. Saludos.

    RispondiElimina
  11. Molto particolare questa torta, mi sembra di sentirne il profumo. Bacio

    RispondiElimina
  12. La conosco ma non l'ho mai fatta. Anche per me in lista d'attesa. Ti è venuta proprio bene, tagliata in trancetti è anche carina da servire.
    Baci

    RispondiElimina
  13. E' bello conoscere i piatti e le tradizioni di altri paesi, grazie :-)

    RispondiElimina
  14. E' tra le ricette che voglio provare prossimamente!!!!

    RispondiElimina
  15. mi unisco a tutti quelli che non la conoscevano e sono felici che tu l'abbia postata. i forni sono tutti incredibilmente diversi, chissa' perche' ^_^

    RispondiElimina
  16. Una collega tempo fa l'ha preparata ed è veramente buona !!!
    ora mi salvo la tua ricetta e la metto nella mia lista "da fare".
    un abbraccio ^__^

    RispondiElimina
  17. il a l'air succulent et gourmand à noter
    bonne soirée

    RispondiElimina
  18. Conosco questo golosissimo dolce, brava fede, che meraviglia!!!!

    RispondiElimina

Ciao, grazie per il tuo commento.
Mi fa piacere ricevere anche le tue critiche!
Non esitare a darmi qualche dritta!
Federica
Commenti anonimi se non firmati verranno rimossi.
Commenti con link attivi e inattivi di qualsiasi genere verranno rimossi
Commenti con pubblicità a contest o altro verranno rimossi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Questo blog non rappresenta un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse i diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione, verranno insidacabilmente rimossi.
Autorizzo la pubblicazione delle mie foto e ricette a condizione venga sempre inserito un link a questo blog
Copyright © Federica Simoni