Krumiri classici

 






Buongiorno, Buon Anno!!
Ripartiamo in dolcezza con dei biscottini buonissimi!!🤪🤪🤪

Nati nel 1878, quando l’Italia era ormai unita, sono stati inventati da Domenico Rossi, si dice, ispirati agli allora famosi baffi di re Vittorio Emanuele II ormai in punto di morte, e nel tempo sono diventati sempre più noti e apprezzati. 

La storia narra che una sera, usciti dal Bottegone, lo storico locale dove trascorreva le serate con gli amici, il Sig. Rossi e i suoi compagni, non ancora soddisfatti, decisero di prolungare la serata. 
Domenico propose di rifugiarsi nel suo laboratorio e per l’occasione, mentre gli amici proseguivano con i festeggiamenti, improvvisò una nuova ricetta. Evidentemente i compari apprezzarono perché da lì in avanti non si smise più di produrre e mangiare questi nuovi biscotti.

La fabbrica Rossi venne poi ceduta ai Portinaro, nome che, assieme all’originale, ancora oggi compare nello storico logo impresso sulle tradizionali confezioni di Krumiri. 
Anche se a Casale la parola Krumiri viene automaticamente associata a Rossi, oggi in città i biscotti vengono proposti anche da altri artigiani produttori.

Il termine Krumiro invece deriva dal liquore che a quel tempo andava per la maggiore, e che a sua volta prende il nome dai khoumir o kroumir, una tribù berbera famosa nell’800 per le sue scorrerie tra Tunisia e Algeria che giustificarono l’intervento francese in quell’area. 

“Krumiro”, dunque, in quegli anni era sinonimo di “selvaggio”, “indomabile”, talvolta “feroce”, quasi sempre in modo dispregiativo. Colpa di quel “selvaggio” impasto difficile da trattare? Di quel liquore malandrino? O furba mossa di marketing vagamente trasgressivo? Mistero.

Intanto, però, il termine “krumiro”, italianizzato in “crumiro”, prenderà ben altra piega.

In Francia, agli inizi del secolo, diventerà sinonimo di lavoratore dipendente che non partecipa agli scioperi. Proprio come quegli operai nordafricani che, tra il 1900 e il 1901, vennero assunti da alcune fabbriche francesi per lavorare al posto degli scioperanti. 

E fu così che, nel Dopoguerra, con questo epiteto nel linguaggio sindacale si finì per bollare chi stava dalla parte del padrone e non partecipava agli scioperi, il termine entrò anche nel gergo sindacale e “antagonista” italiano. 
Che però aveva già conosciuto il biscotto. Ottimo con lo zabaione, il vino, il vinsanto, il tè e i liquori in genere. E fu così che tutto finì a krumiri e vino.

Nelle intenzioni del pasticcere Rossi, i frollini avevano bisogno di un nome originale e facilmente memorizzabile, non certo un’interpretazione politica della società.

Nel 1890 il sindaco di Casale Monferrato riconobbe al Rossi la paternità dei Krumiri dopo vari premi e dal 1972 i biscotti sono protetti anche da un brevetto.

Sembra che la ricetta originale non contenga farina di mais, come la prima che ho pubblicato qui.
Li ho quindi rifatti con farina 0, ma li ho provati anche con farro e farina 0.. beh davvero buonissimi!!!😜😜😜😜😜


Ingredienti
350 g farina 0
140 g zucchero a velo
110 g burro bavarese
1 uovo intero
2 tuorli
semi di una bacca di vaniglia

In planetaria inserire la farina, e il burro. Sabbiare bene unendo la frusta K poi unire lo zucchero, i semi della vaniglia i tuorli e l'uovo intero.

Formare un panetto omogeneo avvolgerlo con pellicola e fare riposare 15 minuti.

Io per fare i biscotti uso la trafila in dotazione della macchina passapomodoro presa alla Lidl.

L'impasto è sostenuto si fa fatica con la sac a poche o la sparabiscotti.

In alternativa c'è chi usa solo la bocchetta della sac a poche e mette un po' d'impasto alla volta e con il pollice spinge fuori il composto

Ho ottenuto 54 biscotti disposti in 2 placche

Infornare a 180° per circa 15-20 minuti regolatevi con il vostro forno

Fonte qui


45 commenti:

  1. Mi piacciono tantissimo e voglio provare la tua ricetta: vado sul sicuro! Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. They turned out so good! I love some for my tea :-)

    RispondiElimina
  3. Stupendo! Hai fatto benissimo a mettere la storia dei krumiri. L'origine delle ricette è una cosa che mi appassiona sempre. E' storia di mode, di popoli, anche di casualità. La ricetta la tengo subito e la proverò di sicuro. Un saluto da Rimini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie della tua visita e del commento. 😊In effetti ricercare l'origine delle ricette è una cosa che mi è sempre piaciuta, mi fa piacere sapere che anche ad altri lettori la cosa interessa. Nel blog trovi anche la ricetta con la farina di mais, se li provi inviami le foto nei social li ricondivido nel mio profilo. Buon anno.

      Elimina
  4. Che belli e che buoni devono essere!! Una vera golosità!

    RispondiElimina
  5. Non li ho mai fatti in casa ed i tuoi hanno un aspetto davvero delizioso!!! Complimenti Fede e buon anno!

    RispondiElimina
  6. Sono ghiotta di questi biscotti, brava Fede!!!!

    RispondiElimina
  7. Sono bellissimi i tuoi Krumiri, Fede, complimenti. Buon anno a presto :)

    RispondiElimina
  8. Que buenas con vainilla :-))

    RispondiElimina
  9. Questi krumiri sono la perfezioneeee,complimentiiiiii...

    RispondiElimina
  10. Ma che perfezione Fede, sono davvero bellissimi e chissà che golosi

    RispondiElimina
  11. Una bella satoriav, dei fantastici biscotti ed una foto stupenda . Bravissima Federicsa . Un abbraccio, buona serata.

    RispondiElimina
  12. Che spettacolo Federica finalmente riesco a passare da te
    La ricetta la salvo nn li ho mai fatti
    A presto Veronica
    https://www.essenzadelgusto.com/
    P.s. ti commento con la mail di mio figlio si è memorizzata e non so come si leva 😅

    RispondiElimina
  13. Storia molto interessante che non conoscevo. Ottima la tua versione dei Krumiri, bravissima come sempre

    RispondiElimina
  14. Je viendrai bien prendre le thé chez toi. Entre de délicieux biscuits et une très jolie vaisselle, le choix est fait.
    A bientôt.

    RispondiElimina
  15. a parte che i biscotti sono la perfezione, molto interessante la storia di questi biscotti. Non la conoscevo

    RispondiElimina
  16. che buono cara Fede, looks delicious!

    RispondiElimina
  17. Grazie per le interessanti informazioni e complimenti per l'ottima riuscita dei biscotti!!!
    Baci

    RispondiElimina
  18. Una volta li mangiavo anche a metà con la cioccolata. Ora non posso passo a figlia uno sarà anche per me. Bu9na serata

    RispondiElimina
  19. Super recipe. Happy new year ��

    RispondiElimina
  20. Proverò la tua ricetta, sono bellissimi!
    Un bacione Fede!

    RispondiElimina
  21. Sono buonissimi i krumiri! Io li adoro insieme ad una tazza fumante di cioccolata calda!

    RispondiElimina
  22. So sweet with a cup of tea

    RispondiElimina

Ciao, grazie per il tuo commento.
Mi fa piacere ricevere anche le tue critiche!
Non esitare a darmi qualche dritta!
Federica
Commenti anonimi se non firmati verranno rimossi.
Commenti con link attivi e inattivi di qualsiasi genere verranno rimossi
Commenti con pubblicità a contest o altro verranno rimossi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Questo blog non rappresenta un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse i diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione, verranno insidacabilmente rimossi.
Autorizzo la pubblicazione delle mie foto e ricette a condizione venga sempre inserito un link a questo blog
Copyright © Federica Simoni